Abbazie e monasteri del Belgio: tour fra spiritualità, birra e formaggi a Chevetogne, Postel, Zevenkerken, Maredsous e Westmalle

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/belgio/Belgio_AbbazieMonasteri2020_Chevetogne.jpg

Angelo Benedetti

Luoghi di preghiera, di riflessione, di rifugio interiore. Ma anche elementi peculiari dei propri territori, da vedere e da approfondire. In Belgio abbazia e monasteri sono presenze diffuse e al di là del loro significato spirituale, raccontano storie e costituiscono presidi sui territori, modelli di architettura e scrigni di opere d’arte. Chevetogne, Postel, Zevenkerken, Maredsous e Westmalle ne sono alcuni esempi. Luoghi a cui si lega – almeno nei nomi - la produzione di apprezzatissime birre e formaggi.

 

(TurismoItaliaNews) A suggerire un tour fra questi luoghi, sono nientemeno che i francobolli. Sì, proprio quelli che le Poste di Bruxelles hanno messo in circolazione il 31 agosto 2020 e stampati in versione foglietto, composti da “dentelli postali” dedicati a Chevetogne, Postel, Zevenkerken, Maredsous e Westmalle. Ecco allora perché meritano di essere visitati.

L'Abbazia di Postel

Abbazia di Postel
Fondata nel XII secolo da Postrade d'Alten l’imponente abbazia norbertina (cioè appartenente all'Ordine dei premostratensi) si trova nel comune di Mol, vicino al confine olandese. In origine, nel 1138, l'Abbazia di Floreffe aveva fondato un convento, che tuttavia non fu elevato ad abbazia fino al 1618. Dopo la Rivoluzione francese, nel 1797 i monaci Norbertini furono cacciati per farvi ritorno soltanto nel 1847. Da allora l'abbazia è stata restaurata e ospita ancora una comunità religiosa. È stata costruita in stile romanico tipico della Renania, subendo nel corso dei secoli diverse modifiche, tanto da presentare anche elementi gotici e barocchi. Il corpo principale del monastero comprende due edifici del 1631 e del 1713 con una facciata in stile Luigi XV, ed è in parte riservato alla prelatura. Al piano terra si trovano le sale per l’accoglienza, la sala capitolare e il refettorio, la cui decorazione rococò è opera di stuccatori italiani. La biblioteca è particolarmente ricca e custodisce in particolare 54 incunaboli, 150 post-incunaboli datati dal 1500 al 1540 e 340 edizioni Plantiniane.  Tradizionalmente, l'Abbazia produce la Birra Postel, che in realtà oggi viene realizzata nel birrificio De Smedt, oggi Affligem, a Opwijk. Si produce anche formaggio: il Postel, l’Abbaye de Postel e l’Oude Postel. I monaci gestiscono anche un giardino botanico di piante medicinali.

Abbazia di Maredsous
Fondata dai Benedettini nel 1872 a Denée, nella valle della Molignée (Vallonia), l'Abbazia di Maredsous è in stile neogotico che si armonizza perfettamente con la natura boscosa e collinare della regione. La sua realizzazione si deve al monaco belga Ildebrando de Hemptinne, che poi è diventato abate, mentre al progetto è legato il nome dell’architetto Jean-Baptiste Béthune (1831–1894), massimo esponente dello stile neogotico in Belgio. In realtà va detto che questo luogo affonda le proprie radici in un passato molto più lontano e si potrebbe dire che la sua storia è millenaria considerando il suo retaggio storico. La chiesa che domina il chiostro, il monastero e la biblioteca, i vari annessi tra cui la vecchia scuola di artigianato, il Centro di accoglienza di San Giuseppe, costituiscono un insieme armonioso che invita il visitatore alla meditazione. Come i Cistercensi o i Trappisti, anche i monaci di Maredsous hanno adottato la regola di San Benedetto, dividendosi tra preghiera, lavoro e accoglienza.
Custode di questa tradizione, Maredsous è soprattutto un centro culturale, a cui si lega – almeno nel nome - la produzione di prodotti apprezzati come birre e formaggi.
www.maredsous.be
tourisme-maredsous.be

L'Abbazia di Maredsous

L'Abbazia di Maredsous

Abbazia di Saint-André
E’ un monastero di Benedettini fondato a Bruges nella forma di un priorato, nel distretto di Sint-Andries, all'inizio del dodicesimo secolo da Robert II delle Fiandre. Nel 1185, il priorato fu elevato al rango di abbazia, che divenne indipendente dall’abbazia madre di Affligem, nel 1188. La struttura ha subito danni significativi nella seconda metà del quindicesimo secolo e poi anche nel sedicesimo secolo; soppresso durante la Rivoluzione francese, è stato ricostruito alla fine del diciannovesimo secolo con la vita monastica affidata all’Abbazia di Maredsous. Le sue origini restano in ogni caso antichissime se si considera che la carta della fondazione del convento è stata firmata il 22 febbraio 1100 e ratificata nel giugno successivo dal conte Robert II delle Fiandre.

Abbazia de Trappistes Westmalle
L'Abbazia di Nostra Signora del Sacro Cuore si trova a Malle, in Belgio, nei pressi di Anversa ed è un'abbazia dell'Ordine cisterciense della stretta osservanza (Trappisti, nome che deriva dall'abbazia francese Notre Dame de la Grande Trappe). Fondata nel 1794, è stata elevata al rango di abbazia trappista solo il 22 aprile 1836. La maggior parte del complesso monastico che si vede oggi, è stato costruito alla fine del diciannovesimo secolo (ad eccezione della chiesa molto pià recente). L'abbazia è famosa per la sua vita spirituale, caratterizzata da preghiera, lettura e lavoro manuale, i tre elementi fondamentali della vita trappista. Inoltre ha una ottima reputazione per la sua fabbrica di birra, una delle sei birrerie trappiste in Belgio, famosa in tutto il mondo. Anche se la birreria provvede al sostentamento dell’abbazia, la produzione di birra non è considerata una pura attività commerciale in quanto la maggior parte delle entrate dalle vendite viene investita nel costante miglioramento delle condizioni di lavoro, oltre che destinata ad organizzazioni benefiche, lavori sociali e persone bisognose. Da tempo i monaci non producono da soli la birra, ma si affidano a collaboratori esterni.
www.trappistwestmalle.be

L'Abbazia Trappista di Malle

Il Monastero di Chevetogne

Monastero di Chevetogne
Il castello è stato costruito verso la metà del diciannovesimo secolo da Charles Delvaux de Fenffe, sindaco di Chevetogne e i monaci di Amay-sur-Meuse ne hanno preso possesso nel giugno del 1939. Ad ogni estremità dell’edificio si erge ora una chiesa: sul lato sud, una chiesa bizantina e sul lato nord una chiesa latina. Il monastero è stato fondato da dom Lambert Beauduin verso la fine del 1925, il quale già come abate di Mont-César aveva in precedenza animato il rinnovamento liturgico in Belgio. L'incontro con l'Oriente cristiano aveva reso Dom Lambert consapevole della divisione tra le Chiese e questo fu incisivo nell’ispirazione per la realizzazione del progetto di fondazione di un monastero dedicato all'unità dei cristiani.

La chiesa bizantina del Monastero di Chevetogne (1958-1960), costruita nello stile di Novgorod e dedicata all'Esaltazione della Santa Croce, è stata edificata per essere un permanente segno di preghiera per l'unità delle Chiese e per testimoniare le ricchezze spirituali dell'Oriente cristiano. La chiesa latina, dedicata al Santissimo Salvatore, è stata costruita tra il 1981 e il 1988 ispirandosi al piano basilicale (atrio, navata e santuario); la prima pietra, proveniente dal Monte Sion a Gerusalemme; all’interno è decorata con due affreschi di ispirazione romanica del monaco ed iconografo russo, archimandrita Zenone.
www.monasteredechevetogne.com

Il foglietto del Belgio con i francobolli dedicati ad abbazie e monasteri (emissione 2020)

Tesori d'Etruria Firenze

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...