Con il film “The Happy Prince” sulla tracce di Oscar Wilde a Dublino, dove la sua essenza aleggia ancora

images/stories/irlanda/Dublino_TrinityCollege01PhTurismoIrlandese.jpg

Con l’uscita del film “The Happy Prince” si accende un nuovo riflettore su Oscar Wilde: l’attore e regista Rupert Everett interpreta lo scrittore irlandese negli ultimi suoi giorni, reduce da un periodo di grandi successi e ora caduto in disgrazia. Dublino si conserva numerose tracce della sua presenza. Una vita, la sua, conclusa con un assunto filosofico: “La vita può essere soltanto vissuta”. E sì che lui aveva invece cercato di raccontarla attraverso i suoi scritti…

 

(TurismoItaliaNews) Lo scrittore vide la luce nel 1854 al n 21 di Westland Row, dove un’iscrizione in gaelico segnala la sua casa natale. L’edificio appartiene al Trinity College e attualmente ospita l’Oscar Wilde Centre. Ma la sua residenza più conosciuta si trova in Merrion Square, una bellissima piazza georgiana circondata da splendidi edifici - tra i quali quelli della National Gallery e di Leinster House - affacciati su prati immacolati e magnifiche aiuole fiorite. Le numerose targhe che si vedono sugli eleganti edifici ricordano le personalità illustri che vi hanno abitato negli ultimi due secoli.

Qui, al n.1 della piazza, edificio che ora ospita l’American University Dublin, Wilde abitò con la sua famiglia dal 1855 al 1878.Proprio di fronte, dall’altro lato della piazza, una fermata obbligatoria è quella davanti alla multicolore statua di Oscar Wilde, raffigurato su una roccia con il solito smoking e la tipica espressione ironica e scanzonata. Realizzata dallo scultore inglese Danny Osborne per conto del gruppo industriale della Guinness, è una delle statue parlanti diffuse in città: attivabili con uno smarphone, raccontano con la voce di famosi attori le storie di illustri dublinesi. La popolarità del monumento è tanta: se vorrete farvi una foto ricordo davanti, dovrete mettervi in fila con pazienza e ricordare, come diceva Wilde, che “essere naturale è la più difficile delle pose”.

Un’altra meta da non perdere è il Trinity College, dove Wilde studiò molto brillantemente dal 1871 al 1874, anno in cui una borsa di studio gli aprì le porte dell’Università di Oxford. Il Trinity College è non solo l’Università più prestigiosa d’Irlanda, ma anche un’oasi di bellezza e tranquillità nel cuore pulsante della metropoli contemporanea. Fondata da Elisabetta I nel 1592, il suo campus è un suggestivo capolavoro architettonico, splendidamente conservato. Ma il suo più grande tesoro è rappresentato dalla Old Library, una delle più importanti biblioteche d’Europa. La sua Long Room, una sala lunga 65 metri che ospita circa 200.000 volumi fra i più antichi del Trinity College, conserva il prezioso Book of Kells, uno straordinario evangelario miniato, redatto attorno all’anno 800 nel monastero dell’isola di Iona in Scozia.

Tra queste austere e nobili volte che hanno visto passare e ripassare Oscar Wilde, possiamo fare nostre ancora una volta le sue parole: “L’amore, la bellezza, lo stile...ho dei gusti molto semplici. Mi piace il meglio di tutto”. Anche a noi...

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...