Dresda fa rivivere la sua storia, riaperto l'edificio più antico della città sull'Elba: la fortezza chiamata Festung

images/stories/germania/Dresda16.jpg

Dopo due anni di ricostruzione, ha riaperto I battenti l'edificio più antico di Dresda, la fortezza chiamata Festung. Per l'occasione la città adagiata sull'Elba ha dato vita al progetto "Dresden Xperience - due luoghi speciali", che prevede proiezioni audiovisive a 270° chiamate rispettivamente Festung Xperience e Zwinger Xperience.

 

(TurismoItaliaNews) Grazie a Festung Xperience nella fortezza si ripercorrono 500 anni di storia cittadina con una mostra permanente, mentre a soli 10 minuti a piedi, nel cortile dello Zwinger, grande complesso architettonico in stile barocco, va in scena Zwinger Xperience, per ricordare "le nozze del secolo" di 300 anni fa tra Federico Augusto II e Maria Josefa.

Dresda

Dresda

Lo Zwinger di Dresda è un capolavoro di architettura barocca, sorto nel 1709 all'epoca di Augusto il Forte. Numerosi scultori crearono opere incomparabili per abbellire il complesso, che oggi è l'attrazione principale della capitale della Sassonia. In origine era una piazza con costruzioni in legno utilizzata per ospitare eventi come i tornei o altri giochi di corte della nobiltà sassone. Tra il 1710 e il 1719, sotto la reggenza del principe elettore Augusto il Forte, Matthäus Daniel Pöppelmann realizzò lo Zwinger in pietra arenaria. I padiglioni e le gallerie sul lato delle mura erano adibiti a orangerie. Il particolare più fotografato dello Zwinger è la Porta della Corona. L'arte barocca dello Zwinger è caratterizzata dalle divinità della mitologia greca. Vicino al Padiglione delle Mura si trova il Bagno delle Ninfe.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...