Thailandia, i cinque siti Unesco che incarnano pienamente la grande potenzialità del Paese del sorriso

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/thailandia/Sukhothai01_PatUnesco.jpg

Sono cinque i siti Unesco che la Thailandia annovera nella sua offerta culturale con l'obiettivo - sempre presente - di valorizzare e promuovere i suoi luoghi designati Patrimonio dell’Umanità, ma anche di contribuire attivamente a un momento di interessante confronto sulle politiche per il turismo e alla definizione di linee guida per il futuro della promozione. Ecco dunque cosa non bisogna perdere quando si visita il Paese del sorriso.

 

(TurismoItaliaNews) I cinque siti thailandesi inseriti nella Heritage list Unesco, tre culturali e due naturalistici, incarnano pienamente la grande potenzialità che l’offerta culturale, storica, artistica e paesaggistica thai può offrire al mondo in un momento di totale ridefinizione delle dinamiche di promozione delle destinazioni turistiche. Il più importante fra i cinque siti thailandesi è senza dubbio il Parco Storico di Sukhothai, luogo che racchiude le rovine della prima capitale del Regno del Siam, tra il XIII ed il XIV secolo (1238-1351) All’interno della cinta muraria, lunga circa due chilometri, si trovano le rovine del palazzo reale e di 26 templi, il più grande dei quali è il Wat Mahathat. Il parco storico viene visitato ogni anno da migliaia di turisti affascinati dagli antichi Buddha, dai palazzi e dalle rovine dei templi.

Sukhothai

Il secondo sito Unesco di Thailandia è Ayutthaya, anch’essa capitale del Paese a partire dal 1351. La città si trova su di un’isola alla confluenza di tre fiumi: Chao Phraya, Pasak e Lopburi, 70 km a nord della capitale Bangkok. Per 400 anni (tra il 1351 e il 1767) ben 35 re si susseguirono sul trono di Ayutthaya, controllando grandi parti del Siam, abbellendo ed estendendo continuamente la capitale, che, a partire dal XVI secolo, si popolò di commercianti europei che contribuirono anch’essi al suo splendore architettonico.

Il terzo sito Unesco è Baan Chiang, primo e unico insediamento preistorico trovato nel Sud-Est asiatico, situato nel distretto di Nong Han, nella provincia di Udon Thani. Scoperto nel 1957, divenne subito noto grazie ai rinvenimenti di un tipico vasellame colorato di rosso. I primi scavi vennero effettuati 10 anni dopo e portarono alla luce numerosi scheletri e offerte funerarie in bronzo. I materiali ritrovati hanno permesso di datare i primi insediamenti tra il 4420 a.C. ed il 3400 a.C., mentre i più recenti vanno dal 2100 a.C. al 200 d.C.

Ayutthaya, Wat Phra Si Sanphet

Baan Chiang

Il complesso forestale di Dong Phayayen e il Parco Nazionale di Khao Yai costituiscono il quarto sito patrimonio dell’Umanità thailandese, iscritto nella heritage list nel 2005. Dong Phayayen (in Thai, Giungla del Signore di Ghiaccio) è una catena montuosa della Thailandia centrale, nella quale trovano sede numerosi parchi nazionali, il più famoso dei quali è il Khao Yai, che è anche il più antico parco del paese (fu fondato nel 1962). Il quinto sito Unesco thailandese è rappresentato dai due Santuari della vita selvatica di Thungyai e Huai Kha Khaeng, aree che proprio in virtù del loro semi isolamento dal resto del Paese hanno potuto mantenere l’habitat originario per molte specie animali tipiche del sud-est asiatico.

L’Ente Nazionale per il Turismo thailandese ha preso parte al World Tourism Event Unesco, Salone Mondiale Città e Siti Unesco che si è tenuto, per il secondo anno consecutivo, a Roma dal 24 al 26 settembre 2020.

Il Parco nazionale Khao Yai

Il Parco nazionale Khao Yai

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...