A Berna in treno per vedere l’ottocentesca stazione ferroviaria e per scoprire la città sorseggiando Vin brulé in risciò

images/stories/svizzera/Berna02_SwitzerlandTourismPhJanGeerk.jpg

Eugenio Serlupini, Berna / Svizzera

Signori, in carrozza! Una volta si diceva così, ma di fatto questa tipica espressione dei ferrovieri di un tempo, a ben guardare è rimasta inalterata nella sostanza. Le stazioni ferroviarie sono luoghi che evocano partenze e arrivi e molto spesso rappresentano il biglietto da visita della città in cui si trovano. Come nel caso della Centrale di Berna, inaugurata nel 1860 e riaperta nel 1974 in seguito a un ampio intervento di ristrutturazione.

 

(TurismoItaliaNews) Proprio questa Stazione compare sul nuovissimo francobollo della Svizzera, in circolazione dal 15 novembre 2018 nell’ambito della serie «Stazioni svizzere», che si chiude con l’uscita di questo dentello postale che ne sancisce una conclusione di tutto rispetto.  “In qualità di stazione delle Ffs, della Bls e della ferrovia a scartamento ridotto Berna - Soletta (Rbs), ma anche come nodo d’interscambio della rete regionale celere (S-Bahn) – spiegano dalla Posta elvetica nel presentare l’uscita del francobollo - Berna è la seconda stazione principale della Svizzera dopo Zurigo. Nella città federale era stata edificata inizialmente una stazione di testa nel 1860, trasformata in stazione di transito nel 1891. Nonostante, dopo anni di dibattiti, la stazione sia stata riprogettata negli anni ’70, l’edificio in cemento armato con un rivestimento parziale in vetro sembra di nuovo aver raggiunto il proprio limite, con gli odierni 270’000 viaggiatori dei giorni lavorativi”.

All’inizio degli anni ’90 sono stati realizzati una nuova entrata principale e un ampio piazzale pedonale, rinnovato nel 2007-2008 con l’aggiunta di una copertura di vetro. L’opera, denominata “baldacchino”, sovrasta ampie zone della piazza ed è un nuovo simbolo di Berna al margine occidentale del centro storico. “Da qui si scorge l’edificio della stazione, che l’artista Marc Weller ha saputo raffigurare in tutta la sua imponenza sul francobollo. Per la conclusione del viaggio il grafico ha scelto di giocare in casa”.
Del resto, nessun’altra città ha saputo preservare così bene il suo carattere storico come Berna, capitale della Svizzera. Il centro storico di Berna è patrimonio mondiale dell’Unesco e vanta 6 chilometri di arcate, una delle passeggiate commerciali coperte più lunghe d’Europa.

Raggiungere la città in treno dall’Italia è semplice, magari proprio in inverno quando si rivela una città magica. Nel periodo prenatalizio Berna è inondata da una luce dorata: ci si può immergere nella magia dell'incantevole città medievale e trascorrere ore serene assaporando l'atmosfera di gioia. Magari seguendo il percorso “Vin brulé su due ruote”: è un giro della città molto particolare per gli innamorati, per chi ama le gioie della vita e per tutti coloro che apprezzano l'originalità. Si scopre la Berna invernale in risciò riscaldati da una bella tazza di vin brulé. Mentre seduti al calduccio sul sedile di un risciò rivestito di morbida pelliccia, avvolti in una coperta di lana, si ammira la città assaporando la bevanda fumante, il conducente vi intratterrà con i suoi aneddoti e con interessanti informazioni sulla capitale svizzera. Il tour con vin brulé si addice splendidamente per un intermezzo durante lo shopping natalizio, come aperitivo originale o come programma per una domenica invernale!

Per saperne di più
www.bern.com
myswitzerland.com/it

In apertura: foto Switzerland Tourism - Jan Geerk

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...