Nella terra del Drago Tonante per i Festival di Jambay & Prakhar: ecco il Bhutan, il "Regno felice”

images/stories/bhutan/Bhutan01_PhViaggiLevi.jpg

Un Paese fuori dall'ordinario: le città non hanno semafori, le sigarette sono illegali, giganteschi falli dalle proprietà protettive sono dipinti sulle facciate di molte case, il benessere della popolazione viene misurato in termini di felicità e non di prodotto interno lordo. E sì, perché il Bhutan è il "Regno felice” e l'occasione giusta è visitarlo in occasione dei Festival Jambay e Prakhar.

 

(TurismoItaliaNews) I Viaggi di Maurizio Levi, in collaborazione con la rivista Focus Storia, propone un viaggio alla scoperta del Bhutan, rafforzando così il sodalizio avviato nel 2014 tra la rivista e il tour operator milanese. Il viaggio alla volta del Bhutan, condotto da un esperto accompagnatore del team Viaggi Levi, partirà il 19 ottobre e porterà, con un itinerario di 14 giorni, alla scoperta del regno medievale buddhista, che strenuamente cerca di mantenere la sua identità culturale.

L'itinerario si sviluppa nella zona centro occidentale del Paese, su un altopiano ricoperto di boschi e incastonato in verdissime valli. Paro, Thimphu, Punakha, Gangtey, Trongsa, Bumthang, sono le principali località e vantano i più antichi e famosi Dzong del Bhutan, le fortezze-monastero sedi allo stesso tempo del potere religioso, politico e economico. La speciale partenza del 19 ottobre prevede la partecipazione ai suggestivi festival (Tsechu) di Jambay e Prakhar. Lo spirito del buddhismo butanese si manifesta in tutta la sua intensità e pienezza nelle festività religiose e popolari. La drammaticità e il colore delle rappresentazioni non hanno pari in nessun altro spettacolo moderno.

Lo Tsechu può essere compreso come un evento creato dai maestri spirituali per celebrare ed esporre i contenuti degli insegnamenti con la rappresentazione di temi che stimolano un corretto comportamento etico e affermano la capacità di annullare o esorcizzare la negatività che affligge persone ed eventi. Il culmine dello Tsechu è rappresentato dal Cham, uno straordinario insieme di musiche sacre e danze in costume, con maschere rituali, eseguite da monaci e da laici. La danza sacra rappresenta la potenza della legge buddhista e una forma concreta di meditazione, la "visualizzazione della divinità" ed è un mezzo per arrivare alla conoscenza della realtà assoluta. Nella danza colpiscono lo straordinario dinamismo e l'energia espresse dai danzatori.

Al ritmico suono di cimbali, trombe, tamburi e gong, i ballerini in cerchio saltano, piroettano, ondeggiano nell'aria, muovono vorticosamente le gonne coloratissime e disegnano simbologie con le braccia e con le mani, raccontando storie mitologiche e leggende della dottrina buddhista dove, quasi sempre, il bene vince sul male, l'eroe sul demone e il credente sull'ateo.

Quote a partire da 3.940 euro con esperto accompagnatore dall'Italia per il viaggio di 14 giorni.

Per saperne di più
I Viaggi di Maurizio Levi
Via Londonio, 4 - Milano
tel. +39 02-34934528
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.viaggilevi.com

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...