LAZIO Il Gal in Teverina si apre al mercato internazionale: aziende agroalimentari locali a confronto con operatori esteri

(TurismoItaliaNews) “L’approccio a questa manifestazione è stato quello di concentrarsi sulla definizione ‘cuore della vacanza’, ossia l’integrità ambientale, la coerenza paesaggistica, la ricchezza del patrimonio storico e artistico, senza tralasciare la qualità dei servizi”: la sottolineatura è del vice presidente del Gal in Teverina, Vincenzo Peparello, a chiusura del workshop tenutosi al Muvis - Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari di Castiglione in Teverina, in provincia di Viterbo.

 

L’evento promosso in occasione di “Visit Teverina”, nell’ambito del progetto europeo di animazione territoriale del Gal, ha puntato alla creazione di una rete di sinergie tra gli attori dello sviluppo locale, capace di confrontarsi in modo critico e propositivo sullo sviluppo di un processo di riqualificazione integrata e sostenibile dell’offerta agroalimentare del territorio, che per varietà e qualità dell’offerta si candida a divenire un “laboratorio per lo sviluppo sostenibile”. Un progetto e un obiettivo che il Gal in Teverina intende proporre e sperimentare per lo sviluppo di un modello di crescita alternativo a quello delle grandi città.

Il risultato è stato ampiamente raggiunto come ha dimostrato il grado di soddisfazione espresso al termine dei lavori dai 14 buyers, quasi tutti esteri, provenienti in maggior parte dai paesi dell’Europa dell’Est, i quali nei due giorni di permanenza nel Viterbese hanno potuto apprezzare non solo quanto di buono la regione può offrire dal punto di vista paesaggistico e agroalimentare. A cominciare dall’olio e dal vino, che rappresentano i prodotti di punta, per finire alle altre eccellenze come i prodotti da forno, i salumi e i formaggi grazie al fiorente allevamento ovino della zona. Alla manifestazione hanno preso parte oltre 25 aziende, i cui rappresentati hanno poi potuto far saggiare direttamente, dopo il workshop, le specialità proposte. “Il workshop e l’educational – ha detto ancora Peparello – hanno visto protagonisti la natura, i paesaggi, le colture e le tradizioni più autentiche di queste terre, dando luogo a esperienze create per rispondere alle diverse esigenze dei segmenti di prodotto e dei rispettivi mercati di riferimento.”

 

Il Gruppo di Azione Locale in Teverina raggruppa sei Comuni (Bagnoregio, Castiglione in Teverina, Celleno, Civitella d’Agliano, Graffignano e Lubriano) le cui caratteristiche a livello di produzioni agroalimentare sono sostanzialmente omogenee perché dovute principalmente alla qualità del suolo, argilloso e vulcanico, alla conformazione orografica, al contesto ambientale e al terreno prevalentemente collinare. Specificità queste che favoriscono in modo particolare la coltivazione della vite, storicamente attestata in epoca etrusca e romana e poi ancora durante il Medioevo fino all’età moderna. È in questo contesto che si snoda la Strada del Vino della Teverina, un itinerario turistico di grande fascino e bellezza.

Civita di Bagnoregio

“Questa iniziativa – ha dichiarato Stefano Landi, presidente di SL&A, società coordinatrice dell’intera manifestazione – è stata realizzata nell’ambito di una profonda attività di animazione territoriale che già da qualche tempo abbiamo intrapreso, attraverso il coinvolgimento partecipativo di diverse realtà presenti sul territorio. Siamo, infatti, profondamente convinti che il raggiungimento di certi obiettivi sia possibile solo attraverso un’operazione sinergica che coinvolga tutti gli operatori. In ragione di ciò, abbiamo costituito Rtr – Rete Turistica Rurale: un gruppo di lavoro che mette insieme gli attori del Gal, i Gac e gli esperti del turismo uniti in vista della nuova programmazione comunitaria. Il Gal in Teverina è uno dei protagonisti”.

 

Numerosi gli accordi commerciali stipulati, che faranno sicuramente da traino ad altre, possibili occasioni di confronto. “L’azione di internazionalizzazione che è stata intrapresa – ha concluso Peparello – non mancherà di evidenziare presto gli effetti positivi delle nostre scelte”.

 

VisiTuscia: nel segno dell’enogastronomia la promozione del territorio alla Borsa del Turismo Viterbese

 

Viterbo: è aperta la città sotterranea da scoprire

 

La città che muore? Civita di Bagnoregio, mai stata così viva nella splendida Valle dei Calanchi

 

“A Tavola con gli Etruschi”, una Guida per presentare le eccellenze enogastronomiche del Viterbese

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...