AFRICA | Parte con fondi italiani il progetto Unesco nel Sudan orientale per promuovere lo sviluppo umano tra le comunità rurali

images/stories/varie_2017/ProgettoUnescoSudanOrientale.jpg

Attraverso la firma di un accordo tecnico tra l’Unesco e il ministero dell’Informazione Sudanese, prende ufficialmente il via l’iniziativa “Promuovere lo sviluppo umano tra le comunità rurali sudanesi: supporto alle emittenti radio negli Stati dell’Est del Sudan”. Collabora anche l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

 

(TurismoItaliaNews) Il progetto, finanziato dalla Cooperazione Italiana, per un’importo di 300.000 euro, sarà realizzato dall’Agenzia Unesco in stretta collaborazione con la sede estera Aics (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo) di Khartoum. L’iniziativa mira a rafforzare le capacità delle radio comunitarie nelle aree rurali dell’Est Sudan, attraverso attività di formazione, la produzione di nuovi contenuti e programmi radiofonici finalizzati all’educazione, a promuovere lo sviluppo umano e il senso civico delle comunità rurali, e, non da ultimo, a consolidare il network delle radio rurali.

Riconoscendo il valore dell’iniziativa nel promuovere lo sviluppo umano e i principi cui si ispira l’iniziativa, il sostegno ufficiale del ministero dell’Informazione assume quindi un valore politico di ampio respiro nel Paese africano, anche per la stessa localizzazione del progetto. Gli Stati dell’Est (Red Sea, Kassala e Gedaref) sono ancora considerati tra i più disagiati e bisognosi di assistenza e ancor di più oggi, per via delle rotte di migrazioni illegali proveniente dal Corno d’Africa sulle quali tanto si adopera la cooperazione italiana allo sviluppo.

“E’ un segnale importante quello di oggi – ha sottolineato l'ambasciatore italiano in Sudan, Fabrizio Lobasso – il Sudan continua sulla strada verso un sistema di informazione e comunicazione più libera, quale volano di solidarietà, inclusione e integrazione sociale: la tattica del controllo informativo lascia il posto lentamente alla strategia del management della conoscenza”. Il ministro per l’Informazione, Ahmed Bilal Osman, ha ringraziato il Governo e la Cooperazione Italiana per il generoso contributo e l’Unesco per realizzarlo con alta professionalità aggiungendo che il Sudan guadagna progressivamente stabilità e pace anche grazie al contributo di iniziative del genere, il cui contributo italiano è assolutamente imprescindibile.

nella foto in apertura: da sinistra Vincenzo Racalbuto, Direttore sede Aics di Khartoum, Fabrizio Lobasso, Ambasciatore d’Italia in Sudan, Ahmed Bilal Osman, Ministro per l’Informazione, Pavel Kroupkine, Capo Missione Unesco

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...