LOMBARDIA | Tra hotel, shopping, food e intrattenimento, giro d’affari in località turistiche da 49 miliardi

images/stories/turisti/Turisti12.jpg

Tra hotel, shopping, “tavola” e intrattenimento, giro d’affari nelle località turistiche lombarde da 49 miliardi di euro su 132 miliardi italiani, 43 miliardi a Milano. Sono 53mila su 540mila le imprese nei settori legati al turismo, secondo i dati della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

 

(TurismoItaliaNews) Principali comparti: commercio al dettaglio (24mila in Lombardia su circa 274 mila in Italia), ristoranti (21mila e 184 mila), ricettività (3 mila e 40mila), attività sportive (quasi 3mila e 26mila), attività creative artistiche e di intrattenimento (1.500 e 9mila), noleggio di auto biciclette e altri mezzi di trasporto (436 e 5mila), servizi di biglietterie, di prenotazione e guide turistiche (260 e 2 mila), stabilimenti termali (12 e 131). Imprese che crescono in cinque anni in regione del 3% rispetto a +1% in Italia.

Piazza Gae Aulenti, la nuova Milano

Le città d’arte prevalgono con 41mila imprese, + 4,6% in cinque anni, seguite da località lacuali (6mila imprese, stabili), località montane (3mila imprese, +2%), località collinari (2mila imprese), località termali con quasi mille imprese. “Abbiamo voluto realizzare un nuovo monitoraggio delle località turistiche che tenga conto del tipo di esperienza, culturale, di svago e naturalistica delle mete - ha spiegato Valeria Gerli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi - la capacità delle località turistiche di essere percepite in questa tipologia di offerta rappresenta una modalità alla base della valorizzazione delle specificità del territorio. I nostri luoghi, a breve distanza uno dall’altro, hanno un’offerta spesso complementare e non ripetitiva. Ecco perché occorrono itinerari capaci di collegare le diverse mete, per una scoperta e una fruizione più completa e dunque in grado di valorizzare il viaggio. La regione offre la possibilità, a fronte di un periodo prolungato di permanenza, di scoprire aspetti di grande interesse che meritano una sosta. Come Camera di commercio, anche in questa logica, siamo attivi con bandi dedicati, iniziative di formazione per gli operatori e promozionali”.

Località turistiche e business in Lombardia.
Ammonta a circa 49 miliardi di euro in un anno, il giro d’affari dei comuni turistici in Lombardia, di cui 43 solo a Milano. Secondo i dati Istat, sono 15 le città d'arte lombarde, 12 le località collinari, 53 quelle lacuali, 38 montane e 9 termali, per un totale di 127 comuni turistici, che grazie ai flussi di visitatori mettono in moto oltre quasi 53 mila imprese del turismo. Sono 24 mila attività di commercio al dettaglio, 3 mila imprese della ricettività, 21 mila ristoranti, oltre 400 imprese di noleggio di auto biciclette e altri mezzi di trasporto, quasi 300 servizi di biglietterie, di prenotazione e guide turistiche, 4 mila attività di intrattenimento tra arte e sport e 12 stabilimenti termali. Brescia è la provincia con più località turistiche della regione (35), seguita da Bergamo (19) e Varese (17). Per business legato al turismo, dopo il capoluogo seguono comuni di Bergamo con 1,9 miliardi di euro e di Brescia con 1,8 miliardi.

Milano, un particolare della Galleria Vittorio Emanuele

Prime regioni per business dell’accoglienza: Lazio con 74mila imprese e Toscana con 61mila. Dal punto di vita delle attività economiche che gravitano attorno ai comuni italiani meta di visitatori, il Lazio è la prima regione, dove si contano in tutto oltre 74mila attività turistiche, in crescita del 7% tra 2014 e 2019. Seconda la Toscana con 61 mila imprese, seguita da Lombardia, che cresce del 3% in cinque anni e Emilia Romagna, entrambe con oltre 50mila imprese. Per accoglienza negli alberghi e alloggi, ai primi posti ci sono Toscana, Trentino e Lazio con 5mila imprese insieme a Emilia Romagna e Veneto con 4mila, Lombardia con 3mila. Si distinguono per la presenza di imprese attive nella ristorazione, oltre al Lazio con 24mila, le località lombarde (21mila), toscane (21mila) e dell’Emilia Romagna (18mila). Prime Lazio e Lombardia per il numero di attività legate all’intrattenimento, 1.500 circa, con la Toscana che supera le mille attività. Per lo sport prime Lazio e Toscana con oltre 3 mila imprese, poi Lombardia e Veneto con circa 2 mila. Stabilimenti termali in Veneto e Campania (23 e 21). È nei comuni del Lazio e della Toscana, il più alto numero di imprese di noleggio di auto e biciclette, oltre 500 imprese.

Più località turistiche in Piemonte, Trentino, Veneto.
È il Piemonte, la regione con il più alto numero di località turistiche, tra montagne laghi e turismo enogastronomico, i comuni tappa dei viaggiatori sono complessivamente 763 e in tutto 35.309 le imprese attive nei settori più legati al turismo, per un fatturato annuo complessivo di circa 4 miliardi di euro. Seguono in valori assoluti il Trentino - Alto Adige (287 comuni e oltre 13mila attività) e il Veneto (265 comuni, quasi 45mila imprese). Il giro d’affari per tipologia di comuni turistici in Italia.

Un gustoso piatto lombardo: i Pizzoccheri della Valtellina

Per le città d’arte il giro d’affari tra acquisti, cene fuori, alloggi e intrattenimento supera complessivamente 101 miliardi di euro, per le località marine il business è di circa 15 miliardi di euro, a cui si aggiungono circa 3,3 miliardi delle località lacuali, 9 miliardi di euro alle località collinari e montane, quasi 3 alle località termali e 155 milioni di euro circa alle località religiose. Oltre il 70 % del business dei comuni turistici del Belpaese è assorbito da Lombardia (49 miliardi di euro), Lazio (circa 20 miliardi), Veneto (circa 14 miliardi), Toscana (9 miliardi) ed Emilia Romagna (7 miliardi). È quanto emerge da una elaborazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Registro Imprese, Aida - Bureau Van Dijk e su Istat.

Dal mare alla montagna, collina, laghi e terme, passando per le città d’arte fino alle località religiose, le mete prese di mira dai turisti italiani e stranieri, che punteggiano la penisola italiana, sono in tutto 2.821, vale a dire un comune su tre in Italia. Secondo la classificazione Istat delle località turistiche per l’elaborazione dei flussi di visitatori, si contano 350 città d’arte, 705 località collinari e 1.216 montane, 326 comuni marittimi e 130 lacuali, 90 località termali a cui si aggiungono 4 località religiose, che mettono in moto 540mila imprese del turismo.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...