ROMA | Terme di Caracalla visitabili di sera, da vedere c’è anche la mostra “Il segreto del tempo” di Fabrizio Plessi

images/stories/varie_2019/TermeCaracalla_Mostra2019.jpg

Un nuovo settore dei sotterranei delle Terme di Caracalla apre al pubblico con la mostra “Il segreto del tempo”, di Fabrizio Plessi, tra i protagonisti della videoarte, con le musiche di Michael Nyman. Fino al 29 settembre la mostra, curata da Alberto Fiz, è organizzata dalla Soprintendenza Speciale di Roma in collaborazione con Electa. Possibili anche visite serali con “Notturno sotterraneo”, con visite guidate ogni venerdì e domenica sera.

 

(TurismoItaliaNews) Plessi rende un suo omaggio alla grande storia di Roma con una nuova opera, disposta lungo oltre 200 metri dei sotterranei delle Terme, finora sconosciuti ai visitatori e aperti dopo un complesso lavoro di consolidamento e restauro. Si tratta del settore sotto l’esedra del calidarium, cuore pulsante dell’impianto ed esempio unico dell’alto livello tecnologico raggiunto dagli antichi romani, ora finalmente visibile nel nuovo percorso. I forni, le caldaie, i magazzini, una grande arteria sotterranea, le statue in prestito, fanno da contrappunto a Plessi a Caracalla. Il segreto del tempo: 12 video installazioni che, tanto nelle strutture di supporto agli schermi, che nei contenuti degli stessi video, spazieranno su temi classici. Acqua, fuoco, la storia delle Terme, la figura di Caracalla e altro ancora, saranno al centro di una esperienza immersiva, che celebra il più sontuoso impianto di Terme imperiali di Roma.

Terme di Caracalla visitabili anche di notte, da vedere c’è anche la mostra “Il segreto del tempo” di Fabrizio Plessi

Dopo il record di presenze registrato alle Terme di Caracalla il giorno di Ferragosto (5.000 ingressi) sono riprese le visite serali con al centro proprio i sotterranei e le gallerie aperte per la prima volta al pubblico, la mostra “Il segreto del Tempo”, e il grande mitreo. Gruppi di massimo 30 partecipanti, oltre ad ammirare nella notte le monumentali vestigia illuminate, possono scendere nei sotterranei, che quest'anno sono stati ampliati con l'apertura di nuovi settori dove è possibile vedere i forni, le caldaie, i tunnel adibiti al trasporto della legna e dei materiali per il funzionamento degli impianti. Una vera e propria sala macchine delle Terme dove è stata allestita la mostra di Fabrizio Plessi. Le visite, della durata di 75 minuti, iniziano alle 20, con l'ultima partenza alle 21.15.

Prenotazioni e informazioni su www.coopculture.it e al numero telefonico 06-39967700 (lunedì-venerdì 9-18 / sabato 9-14).

La storia. Le Thermae Antonianae, uno dei più grandi e meglio conservati complessi termali dell'antichità, furono costruite nella parte meridionale della città per iniziativa di Caracalla, che dedicò l'edificio centrale nel 216 d.C. La pianta rettangolare è tipica delle "grandi terme imperiali". Le terme non erano solo un edificio per il bagno, lo sport e la cura del corpo, ma anche un luogo per il passeggio e lo studio. Si entrava nel corpo centrale dell'edificio da quattro porte sulla facciata nord-orientale. Sull'asse centrale si possono osservare in sequenza il calidarium, il tepidarium, il frigidarium e le natatio; ai lati di questo asse sono disposti simmetricamente attorno alle due palestre altri ambienti.

Ricostruzione virtuale delle Terme di Caracalla a Roma

Le Terme di Caracalla sono uno dei rari casi in cui è possibile ricostruire, sia pure in parte, il programma decorativo originario. Le fonti scritte parlano di enormi colonne di marmo, pavimentazione in marmi colorati orientali, mosaici di pasta vitrea e marmi alle pareti, stucchi dipinti e centinaia di statue e gruppi colossali, sia nelle nicchie delle pareti degli ambienti, sia nelle sale più importanti e nei giardini. Per l'approvvigionamento idrico fu creato un ramo speciale dell'acquedotto dell'Acqua Marcia, l'Aqua Antoniniana. Restaurato più volte, l'impianto termale cessò di funzionare nel 537 d.C.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...