TRADIZIONI | Fico celebra Sant’Antonio Abate: nella Fabbrica Italiana Contadina allevatori da tutt’Italia e animali del Parco benedetti

images/stories/varie_2018/Fico03.jpg

In occasione della Festa di Sant’Antonio Abate, Fico Eataly World di Bologna propone ad adulti e bambini una serie di iniziative e di eventi dedicati alla valorizzazione degli animali e al mestiere dell’allevatore. A febbraio sarà la volta dei pasticcieri e dei festeggiamenti legati al Carnevale, mentre marzo sarà dedicato all’antica arte del casaro. Sono i mestieri e i saperi del cibo italiano, con le tradizioni popolari che li accompagnano, i protagonisti del 2018 del parco agroalimentare più grande del mondo.

 

(TurismoItaliaNews) Il giorno di Sant’Antonio Fico ospita allevatori da tutt’Italia e saranno benedetti i circa 200 animali del Parco, tra cui il primo agnellino nato da pochi giorni. Da secoli in tutta Italia ogni 17 gennaio le comunità locali festeggiano il Santo protettore degli animali, della campagna, dei contadini, degli allevatori e di coloro che lavorano con il fuoco. Protagonista assoluto di questa festività è il suino. Gli eventi in programma per gennaio sono iniziati l’8 e proseguiranno fino al 28 gennaio, con oltre 50 iniziative ed eventi dedicati agli animali e a chi li alleva. Protagonisti, decine di allevatori e produttori, con incontri divulgativi, degustazioni, concerti ed uno speciale “giro d’Italia” per conoscere ed assaggiare il più antico e popolare tra gli insaccati: la salsiccia. La biodiversità dell’Italia dai mille comuni raccontata a Fico attraverso 40 varianti di salsicce provenienti da tutte le regioni d’Italia, dalla Pasqualora siciliana alla Saousette della Val D’Aosta.

A gennaio anche musica, eventi e laboratori saranno dedicati alle conoscenze tradizionali e ai riti delle stalle e degli allevamenti. Il 17 gennaio, nel giorno di Sant’Antonio Abate, Fico ospita allevatori da tutt’Italia. Alle 11, si terrà l’incontro pubblico “Il futuro dell’allevamento in Italia”, con la partecipazione di Maurizio Martina (ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali) e Simona Caselli (assessore all’agricoltura, caccia e pesca della Regione Emilia-Romagna). Alle 12 gli animali presenti nel Parco saranno benedetti da don Roberto Mastacchi, vicario episcopale per le realtà temporali della Curia di Bologna. La giornata proseguirà con concerti di musica tradizionale di Budrio, eseguito con le celebri Ocarine, spettacoli e laboratori per grandi e bambini.

Il 27 gennaio alle ore 16.15 è in programma lo spettacolo “Le battuglie di Pastellessa” a cura del gruppo Pastellesse Sound Group, che accanto ai più classici strumenti utilizza botti, tini e falci per fare musica. Una tradizione, questa, nata in epoca precristiana a Macerata Campania, quando era un quartiere di Capua antica, e che nel corso del tempo è divenuta l'elemento caratteristico della festa di Sant'Antonio. Infine il 28 gennaio i festeggiamenti di Sant’Antonio si chiuderanno con la “Disfida della salsiccia di Ceriana”: quattro confraternite del paese di Ceriana si sfideranno per proporre la ricetta migliore della tipica salsiccia.

Per saperne di più

 

Giornata_Ferrovie_Dimenticate_2018

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...