SICILIA | A Palermo in mostra a Palazzo Branciforte oltre 170 maioliche degli speziali del XVII - XVIII secolo

images/stories/varie_2017/PalermoMaiolicheAntichiSpeziali03.jpg

Dalle scansie delle loro botteghe ai ripiani in legno di quello che in passato fu il Monte dei pegni Santa Rosalia. A Palermo fino al 18 febbraio 2018 è possibile visitare a Palazzo Branciforte la mostra "Maiolica, i corredi dello speziale XVII - XVIII secolo". Un viaggio nella storia di una lunghissima tradizione per la Capitale italiana della Cultura.

 

(TurismoItaliaNews) L’appuntamento rientra tra le iniziative per Palermo Capitale italiana della Cultura 2018. Quella degli speziali è stata una vera e propria arte che vanta una storia lunghissima, profondamente intrecciata nel tessuto economico e culturale delle città. Sin dal Medioevo, questa corporazione si dedicava alla creazione di preparati benefici per la salute e l'aspetto dell'organismo sfruttando le proprietà dei prodotti della natura: furono anche inventori di fragranze e di elisir di bellezza e buona salute.
Grande suggestione avevano le botteghe di questi artigiani della salute, anche per la bellezza delle ceramiche che contenevano i prodotti, che ora rivivono in una mostra. Dalle scansie delle loro botteghe ai ripiani in legno di quello che in passato fu il Monte dei pegni Santa Rosalia. Luogo di grande suggestione all'interno di Palazzo Branciforte, a Palermo, che accoglie la mostra "Maiolica, i corredi dello speziale XVII - XVIII secolo", oltre 170 ceramiche provenienti da collezioni private dell'isola.

Tre sale dell'ala destra del Monte dei pegni del cinquecentesco Palazzo in via Bara dell'Olivella, oggi spazio museale della Fondazione Sicilia, ospiteranno inedite collezioni di vasi da farmacia in terracotta creati quattro secoli fa nei laboratori di ceramisti dei più importanti centri della Sicilia: Caltagirone, Burgio, Sciacca, Palermo, Collesano, Trapani. Albarelli, bricchi, bottiglie, cilindri e bocce di rara bellezza che componevano il corredo degli speziali, numerosi nell'isola e conosciuti in tutto il Mediterraneo per i rapporti culturali e commerciali con il mondo orientale da dove giungevano le spezie. Contenitori per erbe, polveri, acque e oli medicinali diversi nelle forme, nei colori e nei disegni. Maioliche preziose, sopravvissute nonostante la fragilità della terracotta a guerre, terremoti, alluvioni, traslochi e arrivate integre sino a noi dopo alcuni secoli.

L'esposizione è ideata da Emanuela Tortorici, presidente dell'associazione Balat - Beni artistici per un lavoro attivo sul territorio. La direzione artistica è stata affidata a Carola Arrivas Bajardi che ha curato anche l'allestimento in un luogo riaperto alla città alla metà del 2012 dopo importanti interventi di restauro affidati all'architetto di fama mondiale Gae Aulenti. Una mostra e al contempo una riflessione sul contesto della bottega dell'aromateria in cui le maioliche vennero utilizzate non soltanto come contenitori di farmaci, ma come simbolo di prestigio di cui godeva l'arte antica e misteriosa dello speziale. "Era un ambiente unico insieme ai luoghi di culto a possedere, nella povertà iconografica del passato, delle immagini e in più, rispetto alle chiese, anche immagini profane" racconta Rosario Daidone che insieme a Michele Tortorici fa parte del comitato scientifico.

“La Fondazione Sicilia, nell’ottica di promuoverne la bellezza, ha accolto l’idea, lanciata dall’Associazione Balat, di organizzare la mostra di maioliche prodotte dalle più note fornaci siciliane, che provengono tutte da collezioni private; e proprio il tema del collezionismo è il fil rouge che lega questa mostra temporanea alla collezione di maioliche esposta permanentemente a Palazzo Branciforte” ha sottolineato il presidente Raffaele Bonsignore. Il Palazzo, che si sviluppa su 5.650 metri quadri di superficie, oltre ad ospitare gli uffici direzionali della Fondazione, offre spazio e fruibilità ad alcune prestigiose Collezioni della Fondazione stessa.Al piano terra sono esposte le collezioni archeologiche e le maioliche; al piano nobile sono custodite le collezioni filateliche, numismatiche e le sculture, insieme alla storica Biblioteca che conserva circa 50mila volumi della Fondazione. Da qui si può inoltre accedere ai suggestivi ambienti del Monte di Santa Rosalia, raro esempio ancora esistente di composizione architettonica lignea, destinata ora ad ospitare mostre d’arte temporanee.

Il catalogo della mostra dedicata alle maioliche degli antichi speziali, corredato di testi di Rosario Daidone e fotografie di Rori Palazzo, vuol essere un contributo alla diffusione e alla conoscenza della tradizione della maiolica siciliana che ritorna in mostra a Palermo dopo dodici anni.
Orari di apertura da martedì a domenica dalle 9.30 alle 14.30.

Per saperne di più

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...