GUSTO | Sulla piazza virtuale di foodiestrip il mondo della ristorazione e quello dei "recensori" fanno pace

images/stories/enogastronomia/Chef1.gif

Nata dal genio creativo degli startupper "made in San Benedetto" Fabrizio Doremi e Alessio Poliandri, Foodiestrip è la piattaforma che mette pace (e ordine) nel mondo dei "critici da tastiera" e dei "ristoratori". E’ una app che nasce con l’intento di azzerare il rischio delle recensioni farlocche. Non solo: gli appassionati compulsivi di review avranno a portata di smartphone uno strumento educativo per fare in modo che le loro critiche siano autentiche e possibilmente costruttive. Anche per i ristoratori che al timore potranno sostituire l'opportunità di migliorare la propria offerta al cliente.

 

(TurismoItaliaNews) L'Italia, popolo di poeti, santi, commissari tecnici di calcio e critici gastronomici. Questo è infatti l'ultimo talento che molti fan del mangiare e bere fuori casa hanno sviluppato. Diventando spesso l'incubo dei ristoratori. Un po' perché tra talento e gusto personale c'è una certa differenza. Un po' perché tutti questi esperti della democrazia digitale giocano sulla severità che forse hanno visto sui talent in tv. Molto perché le recensioni spesso non hanno alcun fondamento di oggettività o – peggio – di verità. Niente da guadagnare, tutto da perdere: perché i ristoratori possono vedersi compromessa la reputazione (e gli incassi) in un momento. I consumatori invece non trovano più nelle piattaforme di recensioni quella funzione di orientamento che ne è la ragion d'essere. Con Foodiestrip, tutto questo appartiene al passato.

Come funziona? Innanzitutto attraverso un processo di "certificazione" del "foodie". Controllando, attraverso la geolocalizzazione e il tempo di permanenza, che davvero sia stato nel locale che si appresta a recensire. Permettendogli in una prima fase di effettuare la recensione semplicemente attraverso un sistema di domande a risposta chiusa sulla sua esperienza all'interno del locale. Dandogli un'identità pubblica e visibile. Foodiestrip infatti, incorpora un'anima social, in modo tale che i membri della community non solo possano verificare chi è l'autore della recensione, ma anche vedere i luoghi che frequenta, capire i suoi gusti e in base alle analogie poter ponderare la rilevanza di ogni singola recensione.

A una settimana dal lancio sulla piattaforma dialogano già 5mila foodies con 350mila locali e il numero di recensioni cresce al ritmo del 25% al giorno. "L'obiettivo – spiegaFabrizio Doremi, founder e ceo di Foodiestrip – non è solo quello di eliminare le fake review o di avere soltanto recensioni positive, ma di ristabilire un dialogo fertile tra ristoratori o esercenti e i clienti. E in ogni caso siamo solo all'inizio. Foodiestrip è stata infatti progettata come piattaforma ‘aperta’ che crescerà insieme ai suoi utenti per essere sempre più funzionale alle loro esigenze”.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...