EOLIE | C'è SalinaDocFest, il festival del documentario narrativo dedicato ai nuovi protagonisti del Mediterraneo

images/stories/eolie/SalinaEolie3.jpg

Da sabato 24 a giovedì 29 giugno 2017 sull'Isola di Salina si tiene l'11a edizione del SalinaDocFest il festival del documentario narrativo ideato e diretto da Giovanna Taviani, che quest'anno è dedicato al tema “Padri e Figli. Verso terre fertili”. Un'edizione speciale, totalmente dedicata ai giovani, nuovi protagonisti del Mediterraneo.

 

(TurismoItaliaNews) Una festa eoliana in onore del mezzogiorno italiano e di Palermo che, non più “capitale della mafia”, diventerà, dopo vent'anni, capitale dell'accoglienza e della cultura italiana nel 2018. L'idea di ripartire dal Sud e dalla Sicilia, come in una cartina geografica capovolta, per ripensare l’Europa dis-unita di oggi, è stata la spinta che ha portato il SalinaDocFest a immaginare, già lo scorso anno, il nuovo concorso Sicilia.Doc. La giuria di quest'anno è composta dai giornalisti Salvatore Cusimano (Rai Sicilia) e Francesco d’Ayala (Radio Rai) e dall'attore Luigi Lo Cascio.

“Padri e Figli. Verso terre fertili” è “il filo rosso che attraversa tutte le sezioni del Festival - spiega Giovanna Taviani - con film che parlano della scomparsa del padre, di figli orfani e di padri latitanti, di fecondazione assistita, di gender e disgregazione della famiglia tradizionale, ma anche di adolescenze difficili e di esilio dal mondo degli adulti. Generazione tradita, la nostra - siamo i primi figli più poveri dei genitori - quella degli italiani che emigrano all’estero e rinunciano a diventare madri e padri perché non riescono neanche a mantenere e se stessi. Generazione tradita, la loro, quella dei figli degli altri, i minori non accompagnati e i giovani immigrati che ogni giorno arrivano nelle nostre terre, orfani di un’Europa che respinge con i muri e tradisce i principi della nostra Costituzione”.

Anche per questo, il focus centrale del festival resta ancora puntato sugli invisibili per eccellenza, i Migranti, che il nostro tempo vorrebbe cancellare. Dal Testo allo Schermo, l' appuntamento di confine tra cinema e letteratura proposto ogni anno, questa volta lancia e raddoppia: un riconoscimento Sdf 2017 andrà a Giovanni Maria Bellu per il libro “I fantasmi di Porto Palo”, il suo memorabile romanzo-inchiesta sul primo grande naufragio documentato nel Mediterraneo; mentre il Premio Ravesi Dal testo allo schermo - deciso dal Comitato d’Onore del festival, composto da Romano Luperini,Giorgio e Mario Palumbo, Paolo e Vittorio Taviani,Bruno Torri – sarà consegnato a Pippo Delbono per il film Vangelo (Ita/Be/Ch, 2017–85’), in cui l'autore riscopre, negli occhi e nel racconto di giovani immigrati africani, ciò che ci rende tutti uguali: lo stesso dolore, la stessa solitudine e lo stesso bisogno. Uno spazio è dedicato anche al cinema di finzione italiano, con i due appuntamenti della sezione Sguardi di cinema: Paolo Virzì e Michaela Ramazzotti saranno ospiti del festival per la proiezione in piazza (martedì 27) de La pazza gioia (Ita/Fra, 2016 – 116’); Isabella Ragonese sarà ospite, insieme al regista, per la proiezione di Il padre d'Italia di Fabio Mollo (Ita, 2017 – 93’).

Due grandi interpreti per una storia davvero emblematica, che ci riporta al tema centrale del festival. Dall'incontro in una dark room, parte il viaggio attraverso l'Italia di Paolo (Luca Marinelli) che si è appena lasciato con il compagno di una vita e di Mia, incinta ma “il padre non ha importanza”. La storia di un amore assoluto, puro e universale, e al tempo stesso della difficoltà, e della paura, oggi, di farsi da figli genitori. Nella giornata finale si terrà una tavola rotonda sui diritti del documentario d'autore nella diffusione cinematografica e nella programmazione televisiva, radiofonica e web.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...