Nella Grado più nascosta: ecco la app di bike rental pensata per assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia

images/stories/varie_2021/Grado_RideMe01.jpg

 

E’ la prima app di bike rental con audioguida integrata, pensata per scoprire e assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia dei suoi dintorni,  tra itinerari inediti e storie ancora poco note. In modo semplice, slow ed ecosostenibile. A Grado, in Friuli Venezia Giulia, la bella stagione arriva in sella a Ride Me.

 

(TurismoItaliaNews) Dentro lo spettacolo del tramonto sulla laguna. Già lungo il sentiero nascosto che porta alla Riserva Naturale Valle Cavanata dove si possono avvistare i fenicotteri rosa. A pedale lento sulla pista ciclabile e poi sulla strada sterrata che arriva fino alla casa di quel pescatore che aggiunge al brodeto (zuppa tipica) un ingrediente che nessuno ancora conosce. E’ la Grado nascosta, letteralmente nascosta, quella per cui è nata Ride Me,la prima piattaforma di Bike Rental tramite App che porta alla scoperta della bella cittadina lagunare ma soprattutto dei suoi dintorni naturali e più selvaggi, con l’obiettivo di farlo in modo lento, emozionante  ed ecosostenibile.

Nella Grado più nascosta: ecco la app di bike rental pensata per assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia

Nella Grado più nascosta: ecco la app di bike rental pensata per assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia

Vediamo come funziona: basta registrarsi sulla piattaforma, scegliere una delle biciclette messe a disposizione nelle 5 stazioni predisposte e inquadrare il Qr code con la fotocamera del cellulare. Il noleggio è fatto, e al termine della gita si chiude manualmente il lucchetto e si procede al pagamento, sempre tramite app. Semplice, rapido ma anche innovativo e coinvolgente. Perché il noleggio con Ride Me include anche  un’audioguida geolocalizzata che propone automaticamente informazioni storiche, naturali, culturali, aneddoti e curiosità in base alla posizione rilevata tramite gps.

Ed ecco la peculiarità di Ride Me: sono itinerari che si addentrano nella natura più segreta  ma grazie a un team “autoctono” di profondi conoscitori di questo territorio, anche nei segreti del patrimonio naturale e delle tradizioni di questa terra, nella sua anima più autentica,  svelando luoghi, angoli, storie, notizie ignote al turismo di massa.

Nella Grado più nascosta: ecco la app di bike rental pensata per assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia

Nella Grado più nascosta: ecco la app di bike rental pensata per assaporare la cittadina lagunare e la natura selvaggia

“Siamo degli inguaribili sognatori – racconta Letizia Kozlan, ideatrice insieme a Giorgio Corbatto di questa start up - che credono nella necessità di vivere il territorio in un modo differente e che hanno provato a trasformare una loro idea in realtà, accompagnati da un team di persone davvero speciali. Volevamo assecondare le richieste di un pubblico che non solo necessita di avere a disposizione dei mezzi green per spostarsi in maniera sana e sostenibile ma che desidera vivere il territorio entrando nella sua storia, nella sua cultura e nelle sue tradizioni".

Obiettivi interpretati dall’agenzia digital trevigiana Efesto Studio, che ha seguito il progetto nella sua interezza ideando logo e design delle biciclette, e sviluppando app e sito. Oggi su Ride Me si possono visualizzare mappe e punti di interesse disseminati nel cuore della Riserva Naturale “Foce dell’Isonzo” tra i dintorni di Grado e Monfalcone, e tutti pensati per una gita realizzabile nel tempo massimo di una giornata. Ciascun utente può noleggiare più biciclette con un singolo account, inserendole nell’apposito carrello mediante scansione dei Qr code presenti sulle bici scelte. Il servizio è disponibile anche per bambini, a partire dai 5 anni.

Per saperne di più

 

Nella Laguna di Grado per scoprire paesaggio, ambiente, natura e stili di vita unici e irripetibili: come a Mota Safon

A Grado la laguna si sorseggia: la tradizione trova il suo testimonial nel Santonego ottenuto dall'assenzio marino

Laguna di Grado: alla scoperta dei suoi sapori con Nico Gaddi e Giorgio Guzzon

Fra terra, mare e cielo: l'Isola della Cona avamposto della biodiversità nella Riserva della Foce dell'Isonzo

Volti dal passato: ad Aquileia il Museo Archeologico Nazionale fa dialogare con la bellezza di uomini e donne di 2.000 anni fa

Quando il cioccolato nasce nel cuore della storia: ad Aquileia l'esperienza di Piero Zerbin del Cocambo porta sulla Terra il cibo degli Dei

La cucina gradese, sapori antichi e unici: i piatti tipici raccontano in maniera gustosa la sua tradizione gastronomica

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...