La Transumanza da Puglia a Molise patrimonio italiano: iscritta nel Registro dei Paesaggi rurali e delle Pratiche agricole

images/stories/molise/Transumanza04PhAsvirMoligal.jpg

La Transumanza dalla Puglia al Molise approda nel Registro nazionale dei Paesaggi rurali, delle Pratiche agricole e Conoscenze territoriali. La spinta crescente verso la standardizzazione dei processi produttivi e la crescente attenzione verso aspetti più legati a produttività e quantità che alla qualità ed alla sostenibilità delle produzioni, comportano una minaccia fondamentale il cui effetto sarà causa dello spopolamento totale delle aree interne e delle zone rurali dell’Appennino meridionale. Ecco perché è una tradizione da tutelare e conservare.

 

(TurismoItaliaNews) E’ la famiglia Colantuono che da secoli si impegna a rendere l'antica pratica della Transumanza sempre attuale, coinvolgendo le comunità attraversate lungo i percorsi. Ogni anno, alla fine di maggio, mandriani e pastori si mettono in viaggio con la mandria di vacche di tipo podolico per affrontare un percorso di circa 180 km in soli quattro giorni, partendo dalla tenuta pugliese in agro di San Marco in Lamis, fino ad Acquevive, località nel comune di Frosolone, dove ha sede l'azienda di produzione casearia della famiglia.

Il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali ha dunque firmato il decreto che inserisce la Transumanza molisana, promossa dall’Agenzia di Sviluppo Rurale Moligal, nel Registro nazionale dei Paesaggi Rurali, delle Pratiche agricole e Conoscenze territoriali. La pratica tradizionale della Transumanza riassume le modalità di esecuzione, l’area geografica di diffusione, le principale fasi di lavoro, gli strumenti legati alla pratica, le razze e le varietà di bestiame utilizzate, i principali fattori di minaccia per il suo mantenimento.

In generale, la transumanza è la migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che si spostano da pascoli situati in zone collinari o montane (nella stagione estiva) verso quelli delle pianure (nella stagione invernale), percorrendo le vie semi-naturali dei tratturi. Il viaggio dura giorni e si effettuano soste in luoghi prestabiliti, noti come «stazioni di posta». In Italia questa antica usanza prese le mosse principalmente tra l'Abruzzo e il Tavoliere, con diramazioni sia verso il Gargano che verso le Murge, passando per il Molise. Consiste nel trasportare («transumare») gli animali dai monti abruzzesi e molisani, ai ricchi pascoli del Tavoliere e del Gargano. L'importanza economica di questa attività era tale da essere gestita da due specifiche istituzioni del Regno di Napoli: la Regia Dogana della Mena delle Pecore di Foggia e la Doganella d'Abruzzo.

A riprova della rilevanza di tale pratica nell'economia e nella società, è stato calcolato che nella metà del XV secolo, non meno di tre milioni di ovini e trentamila pastori percorressero annualmente i tratturi, e che l'impatto che la pastorizia esercitava era tale da fornire sussistenza a metà della popolazione abruzzese, direttamente o indirettamente. Nel XVII secolo i capi coinvolti erano circa cinque milioni e mezzo. Ad oggi, con l’avvento della moderna zootecnia e l’allevamento intensivo svolto direttamente negli allevamenti, l'attività di transumanza si è fortemente ridotta, ridimensionata, in molti luoghi del tutto scomparsa. La transumanza, attualmente, è praticata in scala ridotta soltanto in limitate zone italiane e, in questo caso specifico, dalle zone appenniniche del Molise e dell'Abruzzo verso il Tavoliere della Puglia.

La pratica della Transumanza inserita nell’Elenco si svolge in un’area geografica definita che va dalla Montagnola Molisana e, precisamente, nel comune di Frosolone (Is), ai pascoli del Gargano nel comune di San Marco in Lamis (Fg). Nei secoli la pratica agropastorale della Transumanza è stata per Frosolone una delle attività prevalenti, tante erano le famiglie e i possidenti che in autunno riunivano i loro capi in mandrie o greggi più grandi e andavano a svernare in Puglia. Si tratta di una Transumanza di tipo orizzontale, detta anche mediterranea, che consiste nel trasferimento degli animali da un’area geografica ad un’altra (tra due o più regioni), che si differenzia da quella di tipo verticale o alpina, dove il trasferimento avviene in un ambito areale più ristretto (dalla valle alla montagna).

Le comunità attraversate dalla rete dei tratturi promuovono, praticano e salvaguardano in varie forme il patrimonio culturale immateriale legato alla pratica millenaria della transumanza. Nel limitato numero di nuclei familiari va segnalata la famiglia Colantuono che da secoli si impegna a rendere questa pratica sempre attuale, coinvolgendo le comunità attraversate lungo i percorsi che partecipano ai valori sociali, culturali e identitari della transumanza. Tali comunità condividono valori, esperienze, competenze e conoscenze tipiche della pratica della transumanza e collaborano con le Autorità Locali per far sì che tale pratica sia riconosciuta e salvaguardata.

Soddisfatto per il riconoscimento ottenuto il direttore di Asvir Moligal Nicola Di Niro: “Con grande orgoglio e soddisfazione abbiamo il piacere di annunciare questa notizia. Finalmente si chiude la prima parte di un lavoro lungo di ricerca e di studio che il partenariato privato, di cui siamo capofila, del progetto “Vie e civiltà della Transumanza Patrimonio dell’Umanità” ha realizzato a margine della candidatura Unesco. “E’ un lavoro di squadra che certifica l’unione di sei territori (con il Molise, ci sono Abruzzo, Puglia, Basilicata, Campania, Lazio) che hanno condiviso da tempo che i tratturi e la transumanza potrebbero avere in concreto un futuro nell’economia nazionale e non solo”.

Ma cos’è esattamente il Tratturo? Con questo termine si indica la strada percorsa dai pastori e dai propri animali per spostarsi e raggiungere stagionalmente due regioni geografiche e climatiche diverse: in autunno verso le pianure più calde della Puglia, in primavera verso le montagne più fresche di Abruzzo e Molise che offrono pascoli verdi e abbondanti. Non dobbiamo però dimenticarci del doppio ruolo svolto dal Tratturo: di transito, e contemporaneamente, di pascolo considerato che gli animali, ad esempio le pecore, hanno bisogno di camminare e di pascolare allo stesso tempo.

Per saperne di più
www.moligal.eu
www.moliseturismo.eu

 

Giornata_Ferrovie_Dimenticate_2018

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...