Cambogia a tutto tondo: dai siti Unesco al food un viaggio diventa una scoperta di grandi sensazioni

images/stories/cambogia/Cambogia01.jpg

Giovanni Bosi, Milano

Chumreap Suor! E’ il saluto che ci si scambia nel Paese del romduol, il suo fiore tradizionale dall’attraente fragranza che lo identifica nel mondo. Parliamo di Cambogia ovviamente, una delle mete amate del Sud-est asiatico e tra le protagoniste della Bit 2017 a Milano.

 

(TurismoItaliaNews) Basta dire Cambogia per evocare pagine di storia millenaria e luoghi simbolo bellissimi, annoverati – neanche a dirlo – nella Lista dei patrimoni dell’umanità Unesco. Incuneato tra Thailandia, Laos e Vietnam, questo Regno ha saputo ritagliarsi un proprio spazio nel turismo internazionale grazie alla qualità dei suoi scenari naturali, così come per l’insieme di tradizioni uniche caratterizzate dal sincretismo di Buddismo e Induismo della popolazione indigena.

Romduol, si diceva: legato a questo fiore c’è una dolcissima e romantica storia che sin dai tempi antichi lo paragona alle donne cambogiane proprio per la sua attraente fragranza; un profumo unico che diventa intenso nel tardo pomeriggio e che è in grado di percorrere lunghe distanze grazie al vento con lo trasporta. Ecco perché è il fiore tradizionale della Cambogia: con il suo stelo robusto che misura fino a 30 centimetri, la pianta del Romduol può raggiungere addirittura un'altezza di 12 metri. E i parchi pubblici ne sono pieni… E quando si parla di Cambogia non si possono non citare il mitico fiume Mekong, che corre da nord a sud del Paese, e il lago Tonle Sap.

Così, giocoforza, alla Bit 2017 di Milano lo stand del ministero del Turismo cambogiano ha esercitato una fortissima attrazione nei visitatori, vogliosi di scoprire I diversi itinerari possibili. “Questo Paese è affascinante per la sua cultura, la sua popolazione e i luoghi che documentano la sua storia millenaria – ci dice Roberto Tartaglia, consulente per l’Italia del tour operator Eurasie Travel di Phom Penh – gli straordinari siti Unesco di Angkor, un grande parco archeologico, e il tempio di Preah Vihear sono famosi in tutto il mondo e costituiscono delle autentiche attrazioni. Anche se in realtà in Cambogia c’è molto di più da fare e vedere, come il complesso di templi Phnom Sampeau a Battambang o Otres Beach a Sihanoukville. O magari scoprirla anche a tavola, gustando ad esempio l’amok, che si può considerare probabilmente una tipicità della cucina khmer: è un filetto di pesce fresco ricoperto di kroeung e arrostito con latte di cocco, uova e noccioline”.

Insomma un Paese da scoprire a tutto tondo. Del resto, chi lo ha visitato torna a casa entusiasta. La Cambogia si sta dando particolarmente da fare sul versante turismo e forse sarebbe necessaria l’attivazione di un ufficio o un ente di rappresentanza in Italia che si dedichi alla promozione del Paese (tenuto conto che molti italiani viaggiano soltanto se hanno la garanzia di trovare in loco guide che parlano la loro lingua, condizione purtroppo non sempre possibile e quindi un ostacolo per chi mastica poco l’inglese).

A Milano in occasione della Bit sono arrivati Lun Bunthoeun, direttore della Divisione amministrazione e finanze; la signora Sray Sokhany, capo dDpartimento marketing e promozione turistica; Yin Sypheng, deputato e direttore generale del turismo; Tat Visoth Mony, capo Dipartimento marketing e promozione turistica; Hing Chanseyha, funzionario del dipartimento.

Per saperne di più
Il sito del tour operator Eurasie Travel

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...