TREND | Aumenta spesa turisti stranieri in Italia nel 2016: la crescita c’è, ma alcune regioni registrano pesanti flessioni

images/stories/turisti/TuristiRoma01.jpg

Nel 2016 i turisti stranieri che hanno viaggiato in Italia hanno speso, secondo i sondaggi alle frontiere della Banca d’Italia (peraltro ancora provvisori), il 3,3% in più dell’anno precedente. Nel 2015, anno dell’Expo, la spesa era cresciuta del 3,8%; nel 2014 del 3,6%. Eppure sette regioni hanno invece hanno dovuto mettere in conto una consistente riduzione dei pernottamenti. Il commento di Isvra.

 

(TurismoItaliaNews) L’analisi è dell’Istituto italiano per lo sviluppo rurale e l’agriturismo, secondo il quale se si esamina quanti turisti stranieri hanno viaggiato in Italia a scopo di vacanza, l’incremento del 2016 si riduce a un + 2,4% per un aumento della spesa pari a +4,1%. Crescono i vacanzieri provenienti dall’Unione europea (+2,7%) e dall’America (+2,1%); diminuiscono quelli che vengono dall’Africa (-12,3%), dall’Asia (-2,3%) e dall’Oceania (-2,9%). Tredici regioni italiane hanno registrato nel 2016 un incremento complessivo dei pernottamenti: il Piemonte (+40%), Lombardia (+1%), la Liguria (+3,8%), il Veneto (+2,5%), il Friuli Venezia Giulia (+22,6%), l’Emilia Romagna (+7,2%), la Toscana (+8,9%), le Marche (+38,3%), l’Abruzzo (+50,6%), la Campania (+0,5%), la Puglia (+39%), la Basilicata (+46,7%), la Sardegna (+46%).

Le altre sette hanno invece hanno dovuto mettere in conto una consistente riduzione dei pernottamenti: Valle d’Aosta (-10,2%), Trentino Alto Adige (-43,5%), l’Umbria (-18,4%), il Lazio (-13,1%), il Molise (-15,9%), la Calabria (-21,4%), la Sicilia (-33,2%). Colpiscono negativamente, per i valori assoluti e le flessioni percentuali, i casi delle province di Verona (-24,5%), Roma (-12,7% pur con il Giubileo della Misericordia in corso), Catania (-54,6%), Siracusa (-49,2%) e Messina (-50,4%). Fra i risultati più favorevoli, ci sono quelli delle province di Torino (+53,6%), Venezia (+20,2%), Ravenna (+39,3%), Firenze (+26,1%), Bari (+38,6%), Lecce (+51,6%) e Sassari (+136,6%). Dai rilevamenti sul turismo internazionale della Banca d’Italia emerge dunque un andamento contradditorio, con crescite che negli ultimi cinque anni vanno e vengono, in un quadro evidentemente instabile non riconducibile alla messa in campo di razionali politiche di promozione e sviluppo.

“Ora l’elaborazione di queste politiche è affidata ai piani annuali di intervento previsti dal Piano Strategico di Sviluppo del Turismo 2017-2022: vedremo cosa saremo capaci di fare” chiosa l’Isvra.

Per saperne di più 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...