AMBIENTE | Sei miliardi di euro per salvare gli oceani dall'inquinamento, saranno create nuove zone marine protette

images/stories/mare/MarEgeo01.JPG

Per tutelare e salvare dall'inquinamento gli oceani impegni da più di 112 Paesi di tutto il mondo per oltre 6 miliardi di euro. Gli impegni annunciati a Malta durante la conferenza “Our Ocean 2017” dalla Commissione europea e dagli altri soggetti pubblici e imprese, Ong, fondazioni, istituti di ricerca e organizzazioni internazionali. Saranno create nuove zone marine protette.

 

(TurismoItaliaNews) Le risorse saranno investite per rinvigorire la lotta contro l'inquinamento marino e ampliare le zone protette, migliorare la sicurezza degli oceani, promuovere le iniziative a favore dell'economia blu e della pesca sostenibile e intensificare l'impegno dell'Ue contro i cambiamenti climatici, in linea con l'accordo di Parigi e con gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030. I partecipanti hanno inoltre annunciato la creazione di nuove zone marine protette che si estendono su una superficie di oltre 2,5 milioni di kmq, corrispondente a più della metà dell'Unione europea.

Durante la conferenza "Our Ocean", organizzata congiuntamente a Malta dall'Alta rappresentante Federica Mogherini e da Karmenu Vella, commissario per l'Ambiente, gli affari marittimi e la pesca, la Commissione europea ha annunciato iniziative finanziate dall'Unione per oltre 550 milioni di euro per far fronte alle minacce globali riguardanti gli oceani. La conferenza ha riunito soggetti pubblici e privati dei sei continenti, che hanno sposato collettivamente la causa del miglioramento della governance degli oceani e del loro uso sostenibile. Gli impegni dell'Unione si estendono ben oltre i confini geografici e mirano a promuovere un utilizzo internazionale sostenibile degli oceani in tutto il mondo, concentrandosi in particolare sui Paesi in via di sviluppo. Per la prima volta, la conferenza ha registrato impegni significativi da parte di imprese del settore privato, tra cui Airbus, Unilever, Procter & Gamble, PepsiCo, Marks & Spencer, Carrefour, Royal Caribbean Cruises, Axa, Sky e tante altre. Il seguito dato agli impegni verrà monitorato e comunicato in occasione della prossima conferenza Our Ocean che si terrà in Indonesia nel 2018.

"La Commissione europea ha dimostrato con promesse concrete il suo forte impegno a favore della sostenibilità, della sicurezza e della prosperità dei nostri oceani – ha commentato Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione - se gli oceani sono a rischio vuol dire che anche noi lo siamo, perché gli oceani nutrono il nostro pianeta e i popoli che lo abitano e ci uniscono ai nostri partner di tutto il mondo”. "Il mare è un bene comune globale. È il nostro oceano perché appartiene all'umanità, ad ogni essere umano. Tutti siamo responsabili della protezione di questo bene comune, dobbiamo custodirlo come un bene prezioso ed evitare che si trasformi in una minaccia – ha osservato l'alta rappresentante Federica Mogherini - l'Unione europea ritiene che un mondo globalizzato richieda una governance globale più cooperativa. Noi crediamo nella forza della diplomazia e ci investiamo – crediamo e investiamo nella forza delle regole comuni e delle istituzioni internazionali. È difficile, addirittura impossibile, immaginare una governance globale senza una governance degli oceani basata sulla cooperazione".

Nel quadro della conferenza “Our Ocean 2017” sono stati affrontati i temi delle zone marine protette, della sostenibilità della pesca, dell'inquinamento marino e dei cambiamenti climatici. Quest'anno la Commissione europea ha inoltre introdotto i temi dell'economia blu e della sicurezza marittima. La conferenza ha indotto i partecipanti di tutto il mondo ad assumere impegni significativi. Puntando su impegni, partenariati e iniziative di alto livello, l'Ue continua a stimolare e ispirare gli sforzi degli altri attori internazionali, ad esempio per la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030. La conferenza va inoltre ad integrare l'iniziativa dell'Unione sulla governance internazionale degli oceani, che definisce un programma sul futuro degli oceani di tutto il mondo, basato su 50 azioni concrete.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...