Testimonianza eccezionale nel vicino Oriente: in Turchia il sito archeologico di Arslantepe è Patrimonio dell'Umanità Unesco

images/stories/turchia/Arslantepe_Unesco02.jpg

 

L'importante risultato è frutto della collaborazione tra Turchia e Italia. Dal 1961 infatti le campagne di scavo sono affidate all'Università “La Sapienza di Roma”. Il sito archeologico di Arslantepe, nella provincia orientale di Malatya, in Turchia, è diventato Patrimonio Mondiale dell'Unesco, decisione presa il 26 luglio durante la 44.a riunione del Comitato tenutasi a Fuzhou, in Cina.

 

(TurismoItaliaNews) Salgono a 19 i beni Unesco della Turchia. Arslantepe, che significa "Collina del leone", è stata accettata nell'elenco provvisorio dei siti del Patrimonio Mondiale nel 2014 ora l'inserimento è ufficiale. Arslantepe, si legge nella motivazione della decisione che ha portato all'iscrizione nella World Heritage List, è una "testimonianza eccezionale del primo sorgere della società statale nel Vicino Oriente". In altre parole, il sito archeologico di 4 ettari (40.000 metri quadrati) e di 30 metri di altezza mostra i cambiamenti fondamentali nel processo di formazione dello stato nelle società anatoliche orientali e mesopotamiche".

Testimonianza eccezionale nel vicino Oriente: in Turchia il sito archeologico di Arslantepe è Patrimonio dell'Umanità Unesco

Arslantepe diventa Patrimonio dell'Umanità grazie ai suoi vari valori universali eccezionali, perchè testimonia il cambiamento delle tradizioni culturali e della gerarchia insieme all'emergere di nuovi sistemi sociali e politici basati su differenze sociali e privilegi economici. Il sito è anche una fonte di nuovi sviluppi nell'architettura monumentale, nella tecnologia e nelle arti, oltre a miglioramenti amministrativi e politici nel corso del IV millennio a.C. Il tumulo servì come insediamento dal periodo calcolitico all'XI secolo d.C. Fu utilizzato come villaggio romano durante il V e il VI secolo d.C. e in seguito servì come necropoli bizantina. Ospita vari reperti relativi alla nascita di un sistema statale e al passaggio da una struttura sociale egualitaria a una gerarchica.

I primi scavi sono stati effettuati da una squadra francese guidata da Louis Delaporte nel 1931. A partire dal 1961 la Missione Archeologica Italiana in Anatolia Orientale ha condotto sistematiche campagne di scavo prima sotto la guida congiunta del professor Meriggi (Università di Pavia) e del professor Salvatore Maria Puglisi (Sapienza Università di Roma), successivamente solo di quest’ultimo, quindi della professoressa Alba Palmieri (Sapienza Università di Roma) e dal 1990 della professoressa Marcella Frangipane (Sapienza Università di Roma). I lavori di conservazione del sito proseguono sotto il controllo della Direzione Generale dei Beni Culturali e dei Musei della Turchia del ministero della Cultura e del Turismo e in coordinamento con la Direzione Provinciale della Cultura e del Turismo di Malatya e l'Università di Battalgazi.

Testimonianza eccezionale nel vicino Oriente: in Turchia il sito archeologico di Arslantepe è Patrimonio dell'Umanità Unesco

A seguito degli scavi negli strati tardo ittiti del sito, sono stati portati alla luce un cortile decorato con bassorilievi su pietra, due statue di leoni su entrambi i lati del cancello d'ingresso, nonché una statua del re ittita Tarhunza e un palazzo tardo ittita . Altri reperti includono un palazzo di adobe risalente al 3.300-3.000 a.C., una tavoletta d'avorio di 3.200 anni , un tempio risalente al 3.600-3.500 a.C., più di 2.000 impronte di sigilli, uno scheletro di bambino di 5.700 anni e un oggetti in metallo di qualità. I manufatti mostrano che Arslantepe era un centro ufficiale, religioso e culturale dove nacque l'aristocrazia.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...