Spagna, nelle Asturie per il turismo rurale o il turismo attivo: idee per esplorare il “Paradiso Naturale”

images/stories/spagna/Asturias_TurismoAttivo03_PhTurismoAsturias.jpg

Sono l'origine del turismo rurale, una maniera di viaggiare che affonda le sue radici nell'autenticità dei popoli che si prendono cura delle loro usanze, che sono orgogliosi dei loro paesaggi e che non possono immaginare il mondo senza l'ospitalità. Ma c'è anche un altro “pretesto” per andare nelle Asturie, in Spagna: qui il turismo attivo e sportivo è una modalità regolata ed ordinata, della quale godere in massima sicurezza. Oltre agli spazi naturali, esiste una grande varietà d'impianti che arricchiscono l'offerta ed un catalogo di attività per tutti i gusti e le capacità fisiche.

 

(TurismoItaliaNews) Vestiti e scarpe comodi. Questi sono i due elementi imprescindibili da mettere nella valigia del viaggiatore che voglia esplorare quel “Paradiso Naturale” che sono le Asturie: boschi, spiagge, cime, scogliere, laghi, fiumi, grotte... Si può scegliere il percorso che più si preferisce, una meta secondo i propri gusti. Non sarà difficile in una terra in cui oltre un terzo del territorio è protetto.

Le risorse sono quasi sconfinate. Come la natura stessa delle Asturie. Una complessa rete di sentieri fatta di grandi e piccoli percorsi (Gr e Pr) solca le Riserve della Biosfera dell'Unesco, il Parco Nazionale ed i parchi e monumenti naturali, oltre al litorale. E allora si può optare per discese in canoa o kayak dei fiumi Sella, Nalon e Navia; l'itinerario del Cares, la scalata del Picu Urriellu; oppure in bici per le Vías verdes: Percorso del Oso, Turón o quella del Eo; e ancora surf a Frexulfe, Xagó, Peñarronda. E in inverno Valgrande-Pajares e Fuentes de Invierno.

I piccoli ma abbondanti fiumi sono molto versatili e dispongono di un'accurata gestione, che combina la preservazione dell'ecosistema con le attività sportive. Il ripido profilo dei Picos de Europa è un richiamo per gli scalatori e per gli amanti del trekking. Il dislivello delle strade di montagna attira l'attenzione degli audaci ciclisti, come le accurate vías verdes (piste naturalistiche che si snodano lungo il percorso di vecchi binari ferroviari abbandonati). Le cime, in inverno, attraggono gli sciatori. Le acque del Cantabrico sono il luogo ideale per gli amanti delle discipline nautiche. Dai tracciati dei Picos de Europa ai percorsi di Redes, gole come quella di Las Xanas, o vie d´accesso alle cascate. È possibile imitare i grandi scalatori del ciclismo nei leggendari scenari, come quelli di Angliru e Los Lagos, organizzare da soli partenze su due ruote o seguire percorsi tracciati, come l'anello ciclabile della Montaña Central.

Non è necessario essere in perfetta forma fisica, bastano solo un po' di abilità e di buona volontà, per navigare in kayak fiumi come, ad esempio, il Navia, il Nalón, il Cares o il Sella. In questi alvei è possibile fare il bagno in una piscina naturale come quella di Olla de San Vicente o praticare il canyoning.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...