SARDEGNA | Spettacoli sulle rovine della città punico-romana di Tharros: anfiteatro hi-tech per potenziare l'attrazione

images/stories/archeologia/TharrosAreaArcheologica06_Cabras.jpg

E' già il sito archeologico più visitato della Sardegna, ma adesso lo si vuol fare diventare un grande polo di attrazione turistica nel cuore del Mediterraneo attraverso un anfiteatro hi-tech. le rovine della città punico romana di Tharros. E' il sito delle rovine della città punico-romana di Tharros, sull’estremità della penisola del Sinis.

 

(TurismoItaliaNews) L’antico insediamento si dispiega nel golfo di Oristano su una sorta di anfiteatro naturale delimitato a nord dalla collina di Su Murru Mannu, a ovest da quella della torre di San Giovanni e a sud dall’istmo che collega quest’ultima al promontorio di Capo San Marco. Tharros fu fondata verso la fine dell’VIII secolo a.C. e venne abbandonata attorno all’anno 1050 d.C. per dare origine ad Aristiane, l’attuale Oristano. Il progetto per un anfiteatro hi-tech, finanziato dalla Regione Sardegna con il bando Culture Lab, è ambizioso ma il Comune di Cabras e l'associazione culturale Dromos sono sicuri di centrare l'obiettivo.

L'anfiteatro, come hanno spiegato il direttore artistico di Dromos Salvatore Corona e il sindaco del paese Cristiano Carrus, sarà pronto per il 25 giugno e ad inaugurarlo, con il progetto Two islands, ci saranno il trombettista sardo Paolo Fresu e il violoncellista siciliano Giovanni Sollima accompagnati dall'Orchestra da Camera di Perugia. Il 12 agosto toccherà invece al vincitore dell'ultimo Sanremo Ermal Meta. Ad ascoltare la loro musica saranno in 1.200. Tanti ne potrà ospitare, in questa prima stagione, il nuovo anfiteatro amovibile che sarà allestito su un pendio naturale racchiuso tra le maestose rovine della città e il mare del Golfo di Oristano.

Il progetto è stato concordato in ogni dettaglio con la Soprintendenza archeologica. Per l'allestimento della struttura non sarà spostata una sola carriola di terra o di sabbia. Per arrivarci gli spettatori cammineranno sull'antica pavimentazione di basalto realizzata durante la dominazione romana seguendo un suggestivo percorso illuminato nelle ore notturne da smart light a batteria. Il sito ha già ospitato grandi artisti di livello nazionale e internazionale, che sono rimasti stregati dalla location. Il cartellone completo della stagione, che terminerà alla fine di settembre, è ancora da definire.

Tra la fine di luglio e agosto ospiterà sicuramente alcune date del Dromos Festival ma coinvolgerà anche altri operatori dello spettacolo in stretta connessione col non lontano Parco dei Suoni di Riola Sardo, ospitato in una cava dismessa di arenaria sulle coste del Sinis. Il valore aggiunto del progetto sono proprio il mare e l'ambiente, con le acque cristalline del mare di San Giovanni e di Putzu Idu e i chicchi di quarzo della spiaggia di Is Aruttas.

Per saperne di più
www.anfiteatrotharros.it
tharros.sardegna.it/sito-archeologico
tharros.info
penisoladelsinis.it

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...