ARCHEOLOGIA | In Myanmar impegno della cooperazione italiana per valorizzare il sito archeologico di Mrauk-U

images/stories/birmania/MraukU_SitoArcheologico01.jpg

Italia impegnata in Myanmar (l’ex Birmania) a sostegno dello sviluppo sociale ed economico dello Stato Rakhine attraverso interventi di protezione, gestione e valorizzazione del sito di Mrauk-U, candidato ad essere inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità Unesco. I suoi templi sono una delle meraviglie del Myanmar e documentano l’importanza che ebbe come antica capitale dell’Impero Arakanese dal 1430 al 1785.

 

(TurismoItaliaNews) “Il Myanmar continua a rimanere un Paese importante per la Cooperazione e l’Italia, grazie alla sua consolidata esperienza nel settore della valorizzazione del patrimonio culturale, può offrire un contributo determinante per lo sviluppo dello Stato Rakhine, in linea con le raccomandazioni della Commissione Annan”: così si è espresso l’ambasciatore Pier Giorgio Aliberti in occasione della cerimonia di lancio del progetto “Sostegno allo sviluppo sociale ed economico dello Stato Rakhine attraverso interventi di protezione, gestione e valorizzazione del sito di Mrauk-U”.

Dove si trova

Il Myanmar è uno Stato dell'Asia sudorientale. Occupa parte della costa occidentale della penisola indocinese, è affacciata sul Golfo del Bengala e sul mar delle Andamane e confina da ovest a est con Bangladesh, India, Cina, Laos e Thailandia.

Mrauk-U è anche la capitale di Mrauk-U Township, una sub-regione del distretto ma in passato per più di tre secoli è stata la capitale del regno omonimo, il più importante e potente regno di Rakhine (Arakanese). Le rovine degli splendidi templi di Mrauk U si trovano ad un chilometro circa a nord-est dal centro abitato, raccolte in una zona collinare, in una cornice naturale affascinante. Sono una settantina i resti da ammirare, fra templi, stupa o mura di città identificati con un nome, oltre a decine di altri siti senza una particolare denominazione.

Il progetto internazionale a sostegno di Mrauk-U, finanziata dal Governo italiano per un ammontare complessivo di 1,3 milioni di euro e attuata dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e dall’Ufficio Unesco di Yangon in collaborazione con le autorità birmane, si pone l’obiettivo di rafforzare le capacità operative del ministero della Cultura e degli affari religiosi del Myanmar e di sostenere l’inserimento del sito archeologico di Mrauk-U nella Lista Unesco dei Patrimoni dell’Umanità. L’intervento italiano si inserisce nel solco delle raccomandazioni formulate dalla Commissione consultiva sul Rakhine (nota come Commissione Annan) per uno sviluppo armonioso e sostenibile dello Stato Rakhine che migliori le condizioni di vita delle comunità locali, a prescindere dalla loro appartenenza etnica o religiosa.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...