DOPO-COVID | Franceschini: servono le regole dell'Unione europea per la libera circolazione dei turisti tra i Paesi

images/stories/varie_2020/DarioFranceschini.jpg

Regole e standard uniformi per la libera circolazione dei turisti tra Paesi europei e la necessità di destinare una quota rilevante del Recovery fund al settore: a ribadire la posizione europea sul tema è stato il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini che ha incontrato questo pomeriggio in videoconferenza il commissario europeo per il Mercato Interno, Thierry Breton che ha la delega sul turismo.

 

(TurismoItaliaNews) “È assolutamente indispensabile che l’Unione Europea definisca standard e protocolli da applicare sia all’interno della stessa Unione sia nei confronti di Paesi terzi, così da mantenere in vita il settore in vista di un suo rilancio e scongiurare il rischio di accordi bilaterali tra paesi che - ha sottolineato Franceschini - determinerebbero serie distorsioni e misure discriminatorie all’interno del Mercato Unico”. Franceschini ha inoltre espresso “pieno sostegno alla proposta lanciata dal commissario Breton di destinare una quota rilevante del Recovery Fund al settore turistico” e sollecitato “interventi veloci e tempestivi da parte dell’Unione europea per sostenere le imprese e i lavoratori del settore”.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...