ARCHEOLOGIA | Tanta curiosità per i gioielli d’oro della Principessa di Caria esposti nelle nuove sale del Castello di Bodrum

images/stories/varie_2020/BodrumMuseo01.jpg

Il ritrovamento è avvenuto nel 1989. Adesso i tesori tornati alla luce sono una vera attrazione. La tomba e i gioielli d'oro della Principessa di Caria, risalenti all'età ellenistica e scoperti durante i lavori di scavo sul sito di un'antica necropoli nel distretto di Bodrum di Muğla, stanno destando tanta curiosità tra coloro che visitano le nuove sale del castello di Bodrum dopo che la seconda fase dei lavori di ristrutturazione si è conclusa.

 

(TurismoItaliaNews) Dopo aver rimosso il coperchio del sarcofago al centro della camera funeraria, gli archeologi trovarono uno scheletro di una donna con le braccia incrociate e adornato con gioielli d'oro. Secondo i risultati di un'analisi scheletrica antropologica, si è scoperto che la donna era morta all'età di 40 anni, mentre l'osso iliaco rivelava di aver dato alla luce più di un figlio. Dalla qualità dei suoi denti si capiva anche che aveva uno standard di vita elevato. I ricchi ritrovamenti presso la tomba - non ultima la corona - mostrano che la tomba apparteneva a una persona di alto status sociale.

Il lavoro di ricostruzione facciale forense sul cranio hanno rivelato che l'antica nobildonna è molto simile a due busti di marmo femminili esposti al British Museum di Londra associati alla regina Ada di Caria. Da allora la teoria più probabile è che si possa trattare proprio di lei. Tuttavia, poiché non ci sono ancora dati scientifici sufficienti per un'identificazione esatta, lo scheletro della tomba è stato da allora chiamato della Principessa di Caria.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...