TURCHIA | Gobeklitepe diventa Patrimonio Unesco: la sua costruzione è iniziata ben prima delle Piramidi e di Stonehenge

images/stories/turchia/GobeklitepeSitoUnescoPhTurchiaUfficioCultura.jpg

Il sito archeologico di Göbeklitepe, nel sud-est della Turchia, a circa 18 km da Şanlıurfa, è stato inserito è nella Lista del Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco. La sua costruzione è iniziata ben prima delle Piramidi e di Stonehenge. Con questo nuovo inserimento salgono a 18 i siti della Turchia che hanno ricevuto questo importante riconoscimento internazionale.

 

(TurismoItaliaNews) La scoperta e lo studio dell'area di Göbeklitepe ha rivoluzionato la visione dell'archeologia e del mondo antico: vi è stato rinvenuto il più antico esempio di tempio in pietra del mondo, la cui costruzione iniziò 11.500 anni fa, ben 7.000 anni prima delle Piramidi e 6.000 anni prima di Stonehenge, prima dell'utilizzo degli strumenti metallici e della ruota, prima dello sviluppo dell'agricoltura, quando ancora l'uomo viveva di caccia e raccolta. Sembra che proprio l'organizzazione sociale necessaria alla costruzione di questo tempio abbia portato alla nascita di un centro abitativo con la conseguente necessità di sviluppare alcune pratiche agricole.

Gobeklitepe ha così profondamente scosso le vecchie teorie sull'archeologia: mentre precedentemente si pensava che fossero nate prima le città e poi i luoghi di culto, ora sembra che proprio la religione sia stata la causa dell'organizzazione di centri abitativi complessi. Ma il fascino di questo luogo sta anche nella costruzione stessa dei recinti, delimitati da enormi pilastri in pietra pesanti circa 15 tonnellate ciascuno, e nelle straordinarie decorazioni incise sulla pietra, che raffigurano in modo stilizzato diversi animali come serpenti, tori, cinghiali, scorpioni, formiche...

Il Comitato del Patrimonio Mondiale ha giustificato così questo inserimento: "Questo sito presenta monumentali strutture megalitiche circolari e rettangolari, interpretate come recinti, che furono eretti dai cacciatori-raccoglitori nell'era neolitica - prima dello sviluppo dell’agricoltura - tra il 9.600 e il 8.200 a.C. È probabile che questi monumenti siano stati usati per rituali di natura probabilmente funeraria. I caratteristici pilastri a forma di T sono scolpiti con immagini di animali selvatici, fornendo informazioni sul modo di vivere e sulle credenze delle popolazioni che vivevano nell’Alta Mesopotamia superiore circa 11.500 anni fa".

Il sito archeologico è aperto al pubblico con i seguenti orari : dal 15 aprile al 2 ottobre ore 8-19; dal 3 ottobre al 14 aprile ore 8-17. Costo del biglietto: 20 Lire turche.

Il sito ufficiale della Turchia

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...