UNESCO | Le Città del Tartufo al Wte di Siena fanno rete intorno alla candidatura “cerca e cavatura del tartufo in Italia” [VIDEO]

images/stories/varie_2017/WteSienaTartufo02.JPG

Un percorso collettivo di salvaguardia e partecipazione. Procede in questo senso la candidatura a patrimonio immateriale dell'Unesco di “Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”. Testimonianza ne è la partecipazione dell'Associazione nazionale città di tartufo (Anct) che della candidatura è presentatrice e referente al World tourism event (Wte) a Siena insieme a tante delle sue 50 realtà aderenti.

 

(TurismoItaliaNews) Lo spirito dell'associazione e dei suoi soci è quello di testimoniare l'insieme di valori, il mondo tradizionale e la cultura che uniscono i territori e le comunità legate al pregiato fungo e di camminare tutti insieme per l'importante, sperato traguardo. A questo, durante il Wte, è stato dedicato un convegno a cui hanno partecipato Michele Boscagli, presidente dell'Anct, ed Elena Sinibaldi del servizio Unesco Mibact e componente del coordinamento tecnico scientifico che ha accompagnato la candidatura alla sede centrale dell'Unesco a Parigi dove è in attesa di essere valutata.

Presenti inoltre l'antropologo Gianfranco Molteni, curatore, insieme a Piercarlo Grimaldi, della relazione antropologica che fa parte del dossier di candidatura, e rappresentanti istituzionali delle realtà socie che hanno accompagnato l'associazione all'appuntamento senese: Alba, Acqualagna, Città di Castello, Camugnano, Gubbio, Montalcino municipalità di San Giovanni d'Asso, Pietralunga, San Miniato, Sant'Angelo in Vado, Sant'Agata Feltria, Scheggino, Valsamoggia municipalità di Savigno e Montaione.

"Questa è un'occasione importante – ha commentato Boscagli – che non potevamo perdere. Siamo all'interno della manifestazione legata al turismo Unesco e credo questa sia l'opportunità più grande che abbiamo avuto in quest'ultimo periodo. Le nostre realtà sono piccole, se vogliamo, rispetto a tante altre che hanno già un riconoscimento Unesco, ma stiamo crescendo e questo è l'obiettivo più importante che vorremmo raggiungere nei prossimi due anni. Abbiamo avuto una grossa partecipazione da parte dei soci e devo ringraziare tutti perché era da tempo che non vedevamo una così importante presenza".

Elena Sinibaldi ha sottolineato come "i percorsi di candidatura Unesco siano complessi e corrispondenti a direttive operative che intendono coniugare il senso antropologico, fondante il patrimonio culturale immateriale, con quello di uno sviluppo sostenibile integrato" e ha evidenziato inoltre come "ogni percorso sia, come nel caso della candidatura di 'Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali', un processo progressivo di implementazione delle misure di salvaguardia che richiede la partecipazione e collaborazione costante tra istituzioni, comunità e stakeholders direttamente coinvolti".

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...