La Stele Lidia è nuovamente in Turchia: appartenuta al Tempio di Apollo Aksyros fu ritrovata a Prato

http://www.turismoitalianews.it/images/stories/varie_2020/Turchia_SteleLidia01.jpg

Una stele della civiltà Lidia risalente al III secolo d.C. è tornata in Turchia dopo 23 anni, da quando fu trafugata dal Tempio di Apollo Aksyros nella provincia occidentale di Manisa, fu ritrovata a Prato nel 1997. Oggi è custodita nel Museo delle Civiltà Anatoliche di Ankara.

 

(TurismoItaliaNews) La stele Lidia ha transitato in numerose città; è stata a Zurigo, Londra (dove fu presentata e battuta in una prestigiosa asta con il nome di "lapide funeraria romana"), Arezzo e infine Prato dove fu ritrovata. Sulla stele è rappresentata la storia di un dio che punisce Melita e Makedon per aver rubato una rete da pesca e altri oggetti. I parenti dei due furfanti, disperati, chiesero aiuto ad Apollo Aksyros, donando al tempio intitolato al dio la stele in questione.

La Stele Lidia è nuovamente in Turchia: appartenuta al Tempio di Apollo Aksyros fu ritrovata a Prato

Ora il reperto archeologico, dalle dimensioni contenute – 50 per 30 centimetri – ma dall’inestimabile pregio storico e dal grande valore è tornato nuovamente in patria con un volo Roma - Istanbul della Turkish Airlines nei giorni scorsi; ad accompagnarlo Riza Haluk Soner, consigliere per la Cultura e il Turismo dell'Ambasciata di Turchia in Italia. Il viaggio poi è proseguito verso Ankara dove il ministro della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turchia, Mehmet Nuri Ersoy, ha presentato alla stampa e al pubblico la stele Lidia con una cerimonia nell Museo delle Civiltà Anatoliche di Ankara.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...