Nella pasticceria dell’Hanswirt, una delle locande più antiche del Sudtirol per scoprire i segreti di biscotti dolci invernali

images/stories/varie_2022/HanswirtsSchokobusserl_01.jpg

 

La cornice è quella dell’Alto Adige. Spitzbuben, amaretti al cocco, mezzelune alla vaniglia, stelle alla cannella: preparare i biscotti è un’arte. L'esperienza condivisa di impastare, ritagliare piccole figure di pan di zenzero per poi decorarle con noci, spruzzi di cioccolato o glassa. L’Hanswirt, antica dimora le cui origini risalgono al 1357, è un ristorante molto conosciuto, dove un tempo i viandanti si fermavano per festeggiare i buoni affari, ed è anche un rinomato resort ****S moderno e lussuoso ma dal fascino antico.

 

(TurismoItaliaNews) Il ristorante fa parte delle locande originali dell’Alto Adige ed è una delle più antiche e famose anche per la posizione: si trova infatti a Parcines/Rablà, all’inizio della Val Venosta ma al tempo stesso a pochi chilometri dalla città termale di Merano. I clienti qui vivono tutto il piacere di una cucina varia, ricca e premiata, come testimoniano i numerosi riconoscimenti conferiti da importanti guide con il Gambero Rosso e la guida Michelin. In questo periodo invernale siamo voluti “entrare nel forno” dell’Hanswirt, per scoprire quali delizie e segreti si nascondano in questa storica cucina. L'esperienza condivisa di impastare, ritagliare piccole figure di pan di zenzero per poi decorarle con noci, spruzzi di cioccolato o glassa. Prima un po' di storia. La teoria più antica sulla preparazione dei biscotti risale ai Celti, quando celebravano il solstizio d'inverno, cioè la notte più lunga dell'anno, il 21 dicembre. I Celti avevano paura che le case fossero invase dagli spiriti e dovevano fare offerte agli dei. Per questo facevano pani di grano e miele con forme di animali e li offrivano in sacrificio.

Nella pasticceria dell’Hanswirt, una delle locande più antiche del Sudtirol per scoprire i segreti di biscotti dolci invernali

Nella pasticceria dell’Hanswirt, una delle locande più antiche del Sudtirol per scoprire i segreti di biscotti dolci invernali

Più tardi, nel Medioevo, la gente era molto povera e per questo si sforzava di trovare sistemi di conservazione del cibo, soprattutto con quanto raccolto e messo da parte durante l'estate. Le verdure venivano bollite, la frutta essiccata, le patate conservate, la carne curata. Anche i biscotti e le gallette avevano una durata di conservazione molto lunga e contenevano molti grassi, così da essere un cibo adatto e vario per i mesi invernali. Nei monasteri, invece, i monaci avevano già zucchero e spezie, specialmente orientali come la cannella, la noce moscata, i chiodi di garofano, la vaniglia. Nel periodo natalizio, venivano preparati biscotti molto speciali che erano distribuiti ai poveri. Nel diciottesimo secolo in Gran Bretagna, dove la tradizione del tè ha avuto origine, per accompagnare la bevanda del pomeriggio serviva qualcosa che potesse essere preparato relativamente in fretta, e naturalmente doveva avere un buon sapore. È così nacquero i tipici dolci inglesi, come gli sconesripieni di marmellata o crema o i tipici shortbread. I marinai adottarono questi usi e costumi nel resto d'Europa, e così la gente cominciò a cucinare biscotti un po' ovunque.

Questa lunga tradizione che ha attraversato i secoli è da sempre rimasta viva nella pasticceria del ristorante Hanswirt che oggi ci regala una ricetta e qualche segreto:
Hanswirts Schokobusserl
Per l'impasto:
-100 g di burro morbido
-60 g di zucchero a velo
-15 g di cacao biologico
-1 uovo intero
-80 g di farina di grano
-40 g di mandorle macinate
Per la decorazione:
-marmellata di mirtilli, marmellata di albicocche o qualsiasi altra marmellata a celta.
-150 g di cioccolato fondente
Preparazione
Per prima cosa, usando un mixer a mano o un altro robot da cucina a vostra scelta, sbattete il burro morbido con lo zucchero a velo fino a renderlo spumoso e aggiungete il cacao biologico. Poi aggiungete l'uovo intero e sbattete il composto fino a renderlo omogeneo. Infine, aggiungete la farina di frumento e le mandorle finemente macinate e mescolate brevemente fino a che non sia tutto morbido. Riempite un sacchetto con il composto e formate dei piccoli cerchi su una teglia. Cucinate i biscotti a 175°C per circa 10-15 minuti. Lasciate raffreddare i biscotti prima di riempirli con la marmellata. Sciogliete il cioccolato a bagnomaria e immergetevi solo metà dei biscotti.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...