Grecia, missione archeologica internazionale sull’isola di Rinia: a sole 3 miglia da Mykonos è ancora tutta da scoprire

images/stories/varie_2018/RiniaMissioneArcheologica01.jpg

Giuseppe Botti, Roma

La chiamato anche la Grande Delos, perché si trova proprio di fronte alla vera e propria isola. Ma Rinia (o Renea) ha una propria storia antica ancora da indagare. E infatti il ministero della Cultura greco - Eforia delle Cicladi, con la collaborazione del Mibact italiano e dell’École française d’Athènes è alla scoperta di un sito archeologico quasi sconosciuto e tutto da esplorare, nel cuore del mar Egeo, su questa isola, disabitata, che custodisce ancora straordinarie testimonianze antiche.

 

(TurismoItaliaNews) Appartenente all’arcipelago delle Cicladi, immediatamente a ovest dell’isola di Delos, da cui la separa un canale di circa 700 metri di larghezza, e a 9 km a sud-ovest di Mykonos (da cui dipende amministrativamente) Rinia nell'antichità fu conquistata da Policrate di Samo e dedicata al culto di Apollo Delio. Aveva una città con lo stesso nome dell'isola: Renea. Serviva come necropoli per i deliri e come rifugio per le donne che stavano per partorire, poiché la natura sacra di Delo proibiva la nascita di nati e morti. Strabo disse che l'isola era stata precedentemente chiamata Ortigia.

Il ministero italiano, tramite il Parco Archeologico di Pompei e in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, mette a disposizione le proprie competenze nel campo della ricerca, della tutela, della valorizzazione archeologica, con una squadra di specialisti e professionisti dei beni culturali: archeologi, architetti, topografi, epigrafisti. Conoscere, conservare, promuovere l’immenso patrimonio culturale del mondo Mediterraneo è una sfida affascinante ma complessa e lo sviluppo di progetti di collaborazione internazionale e scambio di buone pratiche può fare la differenza.

L’isola di Rinia ospita infatti importanti resti di necropoli, fattorie, santuari, in un paesaggio di rara suggestione, ma non è mai stata oggetto di indagini sistematiche estensive. La missione sta svolgendo attività di esplorazione, documentazione, ricognizione dell’immenso patrimonio conservato, per favorirne la conoscenza, la tutela e la conservazione. L’isola ha una superficie totale di 13,8 kmq e si compone di due parti unite tra loro da un istmo di 1,2 km di lunghezza e 70 metri di larghezza nel punto più stretto.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...