Monument Valley, amarcord di John Ford e del selvaggio West

images/stories/stati_uniti/MonumentValley5Dim1134x850.JPG

Giacomo Celletti, Monument Valley / Stati Uniti

Posta sulla linea del confine settentrionale tra gli stati federati dell’Arizona e dello Utah, la Monument Valley regala uno spettacolo indimenticabile e offre tutto quello che ci si può immaginare di vedere. Simbolo per antonomasia del periodo d’oro del cinema western, la Monument Valley si trova all’interno di un "Parco Tribale", un’area di interesse storico - turistico caratterizzata dalla presenza della comunità nativa Navajo, che tutt’ora popola ed amministra la zona.

 

(TurismoItaliaNews) Visitando il Monument Valley Navajo Tribal Park, ci si renderà conto della grandiosità e della sontuosità della natura. Vere e proprie sculture di roccia rossa erosa dal tempo campeggiano nelle sterminate distese del parco, alternando zone desertiche a sporadiche praterie dove, di tanto in tanto, si possono osservare mandrie di bestiame al pascolo.

L’area, che ha un’estensione di circa 2.000 miglia quadrate (e questo ne fa una meta facilmente raggiungibile dalle principali città sud-occidentali degli Stati Uniti come Las Vegas, Flagstaff, Phoenix e Santa Fe), rappresenta un luogo sacro per le popolazioni Navajo. Una particolare caratteristica di questo parco è l’assoluto divieto di assunzione di alcolici all’interno di esso.

Le strade e i sentieri accessibili ai veicoli a motore sono prettamente sterrati e pieni di buche, è quindi fortemente consigliato l’utilizzo di fuoristrada o, in alternativa, mezzi a trazione integrale o 4x4. Gli spiriti più avventurosi potranno usufruire (a pagamento) di guide Navajo per l’esplorazione della valle in sella a un cavallo, con monta, neanche a dirlo, esclusivamente all’americana.

Per coloro che, invece, visitano la Monument Valley a bordo delle quattro ruote, la permanenza all’interno del parco sarà estremamente suggestiva ed affascinante, con giochi di colori assicurati chilometro dopo chilometro, soprattutto al tramonto. Protagonisti indiscussi di questo luogo sono i capolavori rocciosi di milioni di anni come le guglie rosse e gialle alte oltre 50 metri o i maestosi archi naturali che sovrastano i sentieri stradali, fungendo da gallerie d’eccezione.

Il parco ospita, tra gli altri, il John Ford’s Point, una terrazza naturale che sporge su un abisso con vista mozzafiato. Il fatto che il regista americano Ford amasse utilizzare tanto spesso questo belvedere per le sue pellicole, ha contribuito a battezzarla con il suo nome. E proprio la cinematografia ha concorso in maniera determinante a rendere la Monument Valley celebre in tutto il mondo, scolpendola in modo indelebile nell’immaginario collettivo come la "Terra del selvaggio West". Alcune rocce sono state immortalate così tante volte che sarà semplicissimo riconoscerle una volta che sarete al loro cospetto.

Percorrendo le polverose piste di terra battuta e scrutando l’orizzonte si potrà percepire, per qualche istante, l’atmosfera che secoli fa avvolse i pionieri europei che da lì a qualche decennio avrebbero dato vita al mito del Far West. Una sola giornata basta per visitare interamente il Monument Valley Navajo Tribal Park, ma è quanto sufficiente per donarvi un ricordo incancellabile di questo luogo magico, unico al mondo nel suo genere.

Il Parco è aperto tutto l’anno, chiuso il 1° gennaio, il Giorno del Ringraziamento e il 25 dicembre; l’ingresso è a pagamento (5 $ a persona, ingresso gratuito per i minori di 9 anni). Due gli orari stagionali che osserva:

stagione estiva (maggio-settembre) 6:00 – 20:30

stagione invernale (ottobre-aprile) 8:00 - 16:30

Per saperne di più

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...