Il tuo cibo è il mio cibo, come la cucina ci unisce superando i confini: un viaggio tra sapori e usanze di ogni latitudine

images/stories/libri/IlTuoCiboMioCibo_SlowFood2019.jpg

Un viaggio pubblicato in Italia da Slow Food Editore tra i sapori e le usanze di ogni latitudine per scoprire quanto e come a tavola diversità e uguaglianza siano solo apparentemente antitetici. In libreria dal 18 luglio “Il tuo cibo è il mio cibo. Come la cucina ci unisce superando i confini”, una raccolta di testimonianze dal primo dei Mad Dispatches a cura di René Redzepi e Chris Ying.

 

(TurismoItaliaNews) "Sono un foodie. Sono vegano. Odio la cucina coreana. Adoro la cucina thailandese. Non mi piace il pesce. Non sono disposto a mangiare insetti...". Sono molti gli elementi che ci consentono di mettere in evidenza le differenze tra noi e gli altri a partire dal cibo. Differenze che rappresentano un valore immenso e da cui derivano identità, personalità, creatività, sopravvivenza, amore, conflitto, compromesso. Eppure è proprio a tavola che scopriamo quanto in realtà la nostra cultura gastronomica sia ricca di connessioni, che partono da un concetto scientificamente e storicamente corretto: la cucina non può esistere senza il movimento libero e giusto di materie prime, idee e persone. Il gusto è un innegabile beneficio dell'immigrazione.

Porridge thailandese (foto Ente Turismo della Thailandia)

Brodetto di pesce a Porta Recanati (Marche)

È questo il concetto alla base de “Il tuo cibo è il mio cibo. Come la cucina ci unisce superando i confini”, una splendida raccolta di testimonianze che Slow Food Editore pubblica in Italia nella collana Terramadre e disponibile in libreria e online. A cura di Chris Ying, uno degli editor enogastronomici più illuminati, e René Redzepi, il cuoco che ha fatto una vera rivoluzione partendo dal suo ristorante a Copenaghen, il volume è il frutto del primo dei Mad Dispatches, il simposio che a partire dal 2011 ha riunito nella capitale danese persone che coltivano cibo, cucinano cibo, studiano cibo, scrivono di cibo, con l'obiettivo di ascoltarsi e imparare gli uni dagli altri.

L'auspicio dei curatori e della casa editrice è che dopo aver letto le 19 testimonianze di chef, biologi, reporter, critici e attivisti, capiremo come diversità e uguaglianza siano solo apparentemente due concetti in antitesi e scopriremo quanto il cibo ci leghi l'uno con l'altro. Il tuo cibo è il mio cibo ci invita ad avviare un dialogo tra culture diverse, a partire dalle cose buone che ci uniscono. Cominciamo a farlo, ogni volta che mangiamo un pane piatto ripieno, beviamo un caffè, andiamo in un ristorante "etnico", scopriamo qualcosa che non avevamo mai assaggiato prima e neanche pensavamo si potesse mangiare, ma che si rivela piacevolmente edibile grazie a un viaggio esotico o a un amico proveniente da un altro continente.

Un meraviglioso piatto di ostriche... ma non a tutti piacciono

Una lettura piacevole e illuminante, firmata da due personaggi che, a partire da un lavoro di raccolta e confronto, sono riusciti a incarnare al meglio uno dei valori cardine condivisi dalla rete internazionale di Slow Food: la biodiversità come il più grande elemento creativo che abbiamo a disposizione, sia essa biologica o culturale; quella diversità senza la quale sarebbe impossibile parlare di identità, di dialogo, di condivisione, di integrazione, di accoglienza...

Collana: Terramadre
Pagine 248
Prezzo di copertina 20 €
www.slowfoodeditore.it

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...