PIEMONTE | Itinerari in Giardino al Santuario di Oropa per scoprire le «Erbëtte», cibo dalle piante con ricette e curiosità

images/stories/piemonte/OropaSantuario02.jpg

E’ tra i primi in Europa per importanza. Situato in una suggestiva conca a 1.200 metri di quota (a 12 chilometri da Biella), il Santuario di Oropa è legato al culto della Madonna Nera. La visita è ben più di una gita in un posto famoso: restano nella memoria i suoi silenzi, il suo cielo limpido, il crepitio dell'acqua che sgorga dalla centrale fontana del "Burnell", i suoi verdi prati e le montagne, lì, a portata di mano... E poi ci sono gli itinerari in Giardino «Erbëtte», cibo dalle piante.

 

(TurismoItaliaNews) Si incontrano nei pascoli, lungo i sentieri, nei ruscelli, talvolta sono tra le specie indesiderate degli orti e dei coltivi; sono le «Erbëtte», termine generico con cui in dialetto piemontese si identificano tutte quelle piante commestibili che si raccolgono in prati e pascoli: chi le conosce le considera una risorsa perché arricchiscono la tavola con nuovi o dimenticati sapori, chi invece ha scarse competenze botaniche spesso si fa ingannare dalle apparenze e purtroppo incorre in brutte esperienze… digestive (se non peggio).

Oggi, la crescente produzione editoriale con il suo corteggio di corsi, escursioni per la raccolta e cucina delle piante spontanee commestibili, può essere colta come il frutto di una civiltà in cui coesistono comportamenti contraddittori: ad un atteggiamento di rispetto, interesse e riscoperta della natura si contrappone un progressivo "consumo" di territorio, ambienti naturali ed inevitabilmente biodiversità, sia animale sia vegetale: da questa consapevolezza nasce l’idea per questo Itinerario al Giardino di Oropa.

«Erbëtte» è dedicato alle piante alimentari, selvatiche e coltivate negli orti di montagna, attraverso pannelli, cartellini esplicativi sulle singole specie ed un allestimento temporaneo. In alcuni cassoni sono in coltivazione alcune piante alimentari nel passato (ed anche nel presente...) utilizzate come integrazione alla tavola delle genti di montagna. Oltre alla documentazione fornita all’ingresso, ai pannelli informativi e cartellini botanici di alcune specie spontanee alimurgiche coltivate nel Giardino, attraverso dei Qr-Code è possibile fruire di approfondimenti, ricette tradizionali e curiosità sulle le erbe alimentari selvatiche.

Nel Giardino di Oropa sono presenti, oltre ad una faggeta naturale che ne occupa il lato orientale, gli ambienti tipici delle montagne biellesi (flora spontanea) come le torbiere d'alta quota, ed alcune roccere in cui sono coltivate piante provenienti dalle catene montuose di tutto il mondo (flora ornamentale): in questo modo, il visitatore può apprezzare la diversificazione dei vegetali sulle varie catene montuose del mondo. Nel Giardino vengono coltivate circa 500 specie e varietà di piante. La suddivisione delle specie spontanee per ambienti rende facilmente osservabili, in un'area ristretta, buona parte della flora spontanea della Riserva di Oropa.

Da visitare, all'interno del Santuario di Oropa ci sono poi il Museo dei Tesori e l'Appartamento Reale, la raccolta degli ex-voto, il Sacro Monte, l'Osservatorio Meteosismico e la Biblioteca.

Per saperne di più
Giardino Botanico di Oropa
Via Sabadell, 1 – Biella
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.gboropa.it
www.facebook.com/GBOropa

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...