La strada per il futuro della Valnerina parte da Vallo di Nera: in Umbria “Fior di Cacio” celebra le produzioni casearie

images/stories/umbria_ValloNera/ValloNeraFormaggi2.jpg

I “Distretti del cibo” sono i protagonisti dell’edizione 2018 di “Fior di Cacio”, l’evento che a Vallo di Nera, nella Valnerina umbra, celebra le produzioni casearie con educational, laboratori, convegni, degustazioni ed escursioni. Legare filiere agroalimentari e territori attraverso finanziamenti e opportunità di rilancio a livello nazionale è la sfida per il futuro che la Valnerina si appresta ad affrontare.

 

(TurismoItaliaNews) I “Distretti del cibo” sono il nuovo strumento previsto dalla legge di bilancio che vuole garantire ulteriori risorse e opportunità di crescita a filiere e territori. E qual è il luogo migliore per iniziare a parlarne in Umbria? Di certo la sedicesima edizione di “Fior di cacio”, l’evento che il 9 e 10 giugno 2018 a Vallo di Nera (Perugia), nel cuore della Valnerina, celebra le produzioni casearie - in un contesto incantevole quale il piccolo borgo tra i più belli d’Italia - con un focus sugli strumenti innovativi per il rilancio della filiera, nell’anno internazionale del cibo italiano nel mondo.

Il principale evento in Umbria dedicato al formaggio, ma anche a zootecnia e agricoltura, infatti, sarà l’occasione per analizzare nel dettaglio, insieme ad associazioni di categoria, ma anche di chi ha avviato già questo percorso, i distretti del cibo. Proprio a questi nuovi strumenti di valorizzazione del territorio sarà dedicato il convegno che aprirà la due giorni ospitata in quello che è un vero scrigno architettonico.

Fior di Cacio 2018 propone anche un programma ricchissimo, fatto di degustazioni, educational alla scoperta del formaggio, laboratori sulla trasformazione del latte in cacio e sulla filatura della mozzarella, musica, folklore, animazioni per bambini. In cartellone anche uno showcooking che vedrà protagonista lo chef di Norcia Andrea Battilocchi, del ristorante Beccofino, che preparerà la vera pasta alla Norcina. Ci saranno quindi tante escursioni alla scoperta del territorio circostante, tra cui la visita guidata tra i pascoli fino alle frazioni di Meggiano e Piedilacosta, con degustazione di prodotti tipici delle aziende agricole aderenti al partenariato “Vallo di Nera, Terra dei racconti e dei sapori” sostenuto dal Piano di sviluppo rurale.

A chiudere la due giorni l’attesissimo arrivo in piazza Santa Maria della maxi ricotta di Fior di Cacio, che sarà offerta poi a tutti i presenti. Fior di Cacio 2018 è realizzato dal Comune di Vallo di Nera con il contributo Psr per l'Umbria 2014-2020 per la promozione del partenariato “Vallo di Nera: terra dei racconti e dei sapori” e con il patrocinio ed il sostegno di Regione Umbria, Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, Provincia di Perugia, Gal Valle Umbra e Sibillini, Camera di Commercio di Perugia, Promocamera, Coldiretti, Ati 3, Cedrav, Slow Food, Onaf.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...