Dal Touring Club Italiano la Guida alle città del tartufo: un viaggio alla scoperta del gusto e delle bellezze del territorio

images/stories/libri/GuidaCittaTartufoTouring.jpg

Sulle strade del tartufo, tra natura, arte e gastronomia. Porta la firma del Touring Club Italiano e il suggello dell’Associazione Nazionale Città del tartufo la Guida che parte dalle Langhe e discende l'Appennino per un viaggio che conduce alla scoperta delle Città del Tartufo e delle bellezze del loro territorio. Quel tanto d'arte e cultura che non guasta e via libera ai nuovi sapori: ristoranti di nome e semplici trattorie, degustazioni e shopping enogastronomico per fine settimana originali.

 

(TurismoItaliaNews) Un itinerario nella geografia del tartufo italiano non può che essere anzitutto un viaggio o meglio un'immersione nella natura, quei luoghi di natura rispettata e responsabilmente fruita che sono poi gli habitat di elezione di tutti i tartufi, bianchi e neri, d'invemo e d'estate, bianchetti e uncinati: boschi, valli, creste, ovunque la roverella o il tiglio, il pioppo o il carpine, il salice, il nocciolo offrano occasioni (si dovrebbe dire radici) per il rapporto simbiotico col tartufo stesso.

Ma, come sempre accade in Italia, la natura significa anche arte e cultura, città — alcune celebri, altre preziosamente appartate — borghi di antico sapore, spesso intatti come il verde che li circonda e con lo stesso spirito accostabili. E’ con queste premesse che la “Guida alle città del tartufo” fornisce un quadro completo a partire dalla storia e dalla biologia di questo prodotto naturale, per poi passare all’esame di tutte le specie di pregio gastronomico, la raccolta e la conservazione, i cani da tartufo: le razze e gli incroci, la coltivazione e il commercio del tartufo, la presentazione delle città dell’Associazione, gli alberghi e i ristoranti raccomandati, le manifestazioni enogastronomiche e la normativa sulla raccolta.

La guida che il Touring e l'Associazione Nazionale Città del Tartufo propongono insieme, rappresenta, in certo senso, un viaggio non solo nel gusto ma anche nella storia dell’evoluzione dell’apprezzamento del prodotto. La preziosità del tartufo è soprattutto olfattiva e gastronomica e come tale chiede d'essere sperimentata: è questo il fondamentale invito che la guida propone al lettore, accompagnandolo in un ideale tour di conoscenza e degustazione attraverso ambienti e regioni dalle Langhe al Molise. Il tartufo sa intervenire nei piatti della cucina tradizionale esaltandoli senza stravolgerli; così come sa — ha sempre saputo — cambiare le abitudini e la vita di chi rimane coinvolto nella sua magia un po' umbratile, fatta di profumi e natura, di uomo e cane nella solitudine del bosco e della sponda del fiume, nel rito della cerca, della scoperta, dello scavo; capacità di trasformazione che ha poi un importantissimo significato economico sul piano, certamente complesso e anche contraddittorio, del mercato, della coltivazione, della valorizzazione delle specie e dei prodotti.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...