Un’impresa romana di primo Seicento: viaggio negli affreschi di Villa Fabri a Trevi con Bruno Toscano

images/stories/libri/VillaFabri2019.jpg

Giovanni Bosi, Trevi

Un bel volume riccamente decorato che restituisce un quadro esaustivo dell’apparato pittorico di Villa Fabri, il complesso cinquecentesco oggi di proprietà del Comune di Trevi, in provincia di Perugia. E non potrebbe essere diversamente visto che a firmare la pubblicazione di Quattroemme Editore è Bruno Toscano, docente universitario, storico dell’arte e pure artista, ben conosciuto nel mondo dei beni culturali.

 

(TurismoItaliaNews) Nelle 120 pagine arricchite dalle immagini delle decorazioni, molte delle quali riprodotte anche attraverso i dettagli più significativi, forniscono un’immagine complessiva di grande impatto utile anche chi non ha mai avuto la fortuna di visitare Villa Fabri a Trevi, affiliata all’Eghn (il network europeo dei giardini) è sede della Rete regionale di ville, parchi e giardini e dell'Osservatorio per la biodiversità. Non a caso: completamente incorniciata dal tipico paesaggio umbro degli ulivi dei dolci pendii tra Assisi e Spoleto, con il suo giardino è il trait d’union tra la campagna coltivata e il centro storico della cittadina.

Gli affreschi studiati da Bruno Toscano nel volume ornano i soffitti di sei sale del piano nobile della Villa Fabri, di cui è stato possibile avere conoscenza diretta solo in tempi recenti. “L'interesse della decorazione – si legge nella prefazione - non coincide in tutto e per tutto con la denominazione del suo autore, che pure meritava di essere ricercata e proposta: Antonio Circignani, Tarquinio Ligustri, Prospero Orsi, Ventura Salimbeni. Dal suo angolo di provincia, il ciclo ci viene incontro per rivelarci nel suo insieme non solo caratteri, ma anche strategie operative connesse con linee di tendenza di ampio raggio, proprie dell’ambiente metropolitano negli anni di passaggio fra i due secoli. Nel fondo c'è il sussiego aulico dei modelli rispetto ai quail in questi anni si sente di dover prendere le distanze”.

“L'alternativa – spiega Bruno Toscano - era rimettere in gioco la realtà, ma senza rinunciare a una larghezza di disegno e aurea monumentalità ormai acquisite nella grande decorazione di tradizione zuccaresca, che dava spazi privilegiati ad Allegorie e Virtù cristiane, Queste vengono per dir cosi umanizzate e acquistano un "peso" e una sodezza nuovi. Non sembra eccessivo parlare di questa area di gusto che meriterebbe maggiore attenzione degli studi, come un fenomeno, per quanto limitato, che rende più ricco il panorama romano di quegli anni”.

Nei primi anni del Seicento, Trevi offre una buona occasione per registrare in Girolamo Fabri una notevole ampiezza di orizzonte culturale, favorita dalle sue prolungate frequentazioni romane e dai suoi rapporti con autorevoli esponenti dell'ambiente ecclesiastico anche per l'ufficio, che tenne per molti anni, di capo-notaio del tribunale dell'Auditor Camerae, una magistrature che era diretta referente del pontefice. Agli stretti rapporti del Fabri con Roma, alla cui cittadinanza di aggregato insieme con i fratelli nel 1604, si deve l'esito positivo di iniziative prese a beneficio di Trevi sia in campo civile che ecclesiastico. Ma è anche più degno di interesse che egli avesse sposato Camilla Pallotta, nipote di Giovanni Evangelista Pallotta, cardinale nominato nel 1587 da Sisto V, che lo promosse Prefetto della Fabbrica di San Pietro.
Per la copertina la scelta dell’autore è caduta sulla Sala di Daniele, in cui si ammira il dipinto “I persecutori di Daniele divorato dai leoni” di Antonio Circignani.

“Un’impresa romana di primo Seicento. Gli affreschi di Villa Fabri a Trevi”
Quattroemme Editore
120 pagine
prezzo di copertina 30 euro

Il sito della Fondazione Fabri

 

Un pezzo di Boemia nel cuore dell’Umbria: Villa Fabri a Trevi testimonial della scuola artistica benedettina di Beuron

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...