Carlo e Ernesta, l'esperienza di due crocieristi doc, pronti al loro terzo giro del mondo

images/stories/varie_2017/Carlo_Ernesta_Acotto01.JPG

di Annarosa Toso

Li ho incrociati di buon mattino a bordo piscina di Costa Neo Riviera. Indossavano l'accappatoio, simbolo o status di chi soggiorna in una cabina suite o fa parte del club Diamante, il più esclusivo del Costa Club. Eleganti, l'aria serena, si accingevano a fare l'idromassaggio in una delle due vasche che sormontano la piscina, quando ancora la maggior parte degli ospiti della neo Riviera era ancora nelle braccia di Orfeo. Mi hanno incuriosito e li ho avvicinati…

 

(TurismoItaliaNews) Piemontesi, 81 anni lui e 78 lei magnificamente portati, senza figli per scelta, Carlo e Ernesta Acotto hanno come obiettivo godersela fino a quando sarà possibile. Lei ha lavorato alla Olivetti e lui nelle ferrovie, facendo una bella carriera da semplice bigliettaio a responsabile del personale viaggiante.

“Ho il viaggio nel dna – mi dice Carlo Acotto – e mi è sempre piaciuto muovermi e andare alla scoperta di posti nuovi. Il nostro primo viaggio in crociera risale al 1975, cinque giorni in tutto, partenza da Genova, scalo a Rodi e a Malta e ritorno a Genova. Era organizzato dal tour operator I Grandi Viaggi e la nave era la Shota Rustaveli, dedicata a un poeta georgiano e oggi dismessa. E' stato uno dei nostri primi viaggi – sottolinea Carlo – ed eravamo inesperti di tutto. Bisognava fare un deposito in banca per la valuta, che era limitata per i viaggi all'estero. Eravamo curiosi, ma anche intimiditi e con poche risorse finanziarie. Ma il primo impatto fu magico. Per combinazione fummo la prima coppia a salire a bordo e fummo accolti con lo champagne e una torta. Dei ballerini vestiti da cosacchi ci accompagnarono in cabina, ma noi eravamo preoccupati perché non avevamo previsto il costo della torta e dello champagne. Ma poi capimmo che era un omaggio e fummo felici di quello che ci era casualmente capitato. Delle crociere non sapevamo nulla, nemmeno se avremmo sofferto il mal di mare, ma ne eravamo attratti”.

Dopo quella prima esperienza di oltre 40 anni fa, Carlo e Ernesta scoprirono Costa Crociere con le navi Angelina e Carla e dal 1985 Costa è stata l'unica società di crociera a cui si sono affidati. “Quando eravamo in attività lavorativa, ci concedevamo una vacanza all'anno – mi spiega Carlo Acotto - dal momento della pensione ci siamo regalati più itinerari all'anno, meglio se aggregati al riposizionamento della nave, come nel caso di Costa Neo Riviera che dagli Emirati è tornata nel Mediterraneo dopo 22 giorni di crociera. Noi abbiamo fatto due volte il giro del mondo e ci accingiamo a fare il terzo di 106 giorni, partenza il prossimo 6 gennaio 2018 da Savona su Costa Deliziosa. Non ci spaventano davvero tutti questi giorni di navigazione, anzi siamo felici, perché ogni giorno è diverso da quello appena trascorso e svegliarci ogni giorno in un posto nuovo ci riempie di gioia e di curiosità. Noi ci godiamo il viaggio in tutta la sua essenza, siamo attivi e partecipi alle attività di bordo soprattutto amiamo ballare e ogni sera scegliamo la musica che più ci piace”.

Carlo e Ernesta fanno parte del Costa Club, nella serie più prestigiosa, il Costa Club Diamante e hanno 62.000 punti. Con la loro posizione hanno una serie di agevolazioni come mangiare nel ristorante dedicato (aperto anche agli altri ospiti, ma a pagamento), attenzioni particolari, accappatoio, ciabattine, frutta in camera, omaggi vari di Costa. Mi spiega Ernesta che il punteggio minimo per restare nel club Diamante è avere 26.000 punti, vale a dire non solo viaggiare molto ma spendere anche molto a bordo, ma se per tre anni consecutivi, quale che sia il motivo, il socio non fa una crociera, viene tutto annullato e si ricomincia da capo.

Perché così fedeli a Costa? La domanda è legittima, anche se lo status di Soci Diamante non è da tutti. “Ci piace viaggiare con Costa, perché si attiene alle regole e non ci ha mai deluso – rimarca Carlo - svariati anni fa eravamo con Costa Marina in Madagascar e fummo informati che la crociera avrebbe anticipato il rientro con la cancellazione degli scali in Kenya e Tanzania. Firmai anche io un reclamo formale insieme ad altri passeggeri e avemmo subito dalla sede di Genova risposta con una serie di opzioni quale risarcimento per il disagio. Dal rimborso per i giorni non goduti a uno sconto considerevole sulla crociera successiva. Il tutto con parole di scuse e di comprensione per il danno subito”.

Ma vi piace proprio tutto di Costa? Le escursioni sono care e alcune anche deludenti. Siete viaggiatori, conoscete il mondo, non vi converrebbe prendere un taxi sottobordo, farvi portare e non girare tutti insieme a volte ammucchiati? E poi le mance giornaliere, sono lievitate in maniera esagerata negli ultimi anni. Siete d'accordo anche su questo? La risposta di Carlo Acotto è semplice e diretta: “Noi non conosciamo l'inglese, non siamo giovani. Di Costa ci fidiamo totalmente e le escursioni le abbiamo fatte sempre e solo con loro. Prima di partire ci documentiamo su quello che faremo, sappiamo quello che spenderemo e che non avremo brutte sorprese. Sulle mance obbligatorie ho qualche remora, soprattutto dopo l'aumento a 10 euro giornalieri. Sette euro sarebbero stati sufficienti, dieci sono un'esagerazione. Sono soldi che pesano molto su una vacanza, figuriamoci sul giro del mondo di 106 giorni!”.

E conclude con ironia: “Ma sul giro del mondo risparmieremo, perché su 50 escursioni prenotate Costa ce ne concede 15 gratuite”. Buon terzo giro del mondo Carlo ed Ernesta!!!

foto di Annarosa Toso

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...