A Tirano riparte la stagione anche a bordo del rinomato Trenino Rosso del Bernina patrimonio dell’Umanità

images/stories/ferrovie_Trenino_Bernina/TreninoBernina01.jpg

E’ Patrimonio dell’Umanità e non potrebbe essere diversamente: la maestosità della natura si fonde armoniosamente con l’ingegno umano. Realizzata più di cento anni fa, ancora oggi è la sua sostenibilità a fare la differenza, consentendo un’esperienza di viaggio unica in uno degli scenari più belli del mondo. Siamo sulle Alpi, sulla tratta di valico tra le più spettacolari dell’intero arco alpino, dalla Valtellina all’Engadina. Con la riapertura dei confini con la Svizzera, a Tirano riparte anche la stagione a bordo del rinomato Trenino Rosso del Bernina.

 

(TurismoItaliaNews) Un viaggio fuori porta alla scoperta di paesaggi unici e panorami mozzafiato, dove potersi rilassare e scoprire affascinanti luoghi ricchi di storia, cultura e tradizione. Dall’Ospizio Bernina, il punto più alto della Ferrovia retica a 2.253 metri di quota, al ghiacciaio del Piz Bernina, fino alla splendida e caratteristica St. Moritz, all’alta Engadina e alla vallata del fiume Inn, il "Trenino Rosso", non più considerato come solo collegamento tra Italia e Svizzera, ma diventato ormai vero e proprio Patrimonio Unesco, regala un’esperienza affascinante per grandi e piccini che vogliono godersi viste incredibili comodamente seduti a bordo del "convoglio rosso". In occasione del periodo estivo 2020, sono numerose le vantaggiose offerte pensate per i viaggiatori, con uno sguardo in più anche per le famiglie che desiderano vivere una vacanza all’insegna di cultura, ma soprattutto natura. Vediamole nel dettaglio.

Allegra Carta Giornaliera - Il pass giornaliero per veri esploratori
La Carta Allegra Giornaliera, con partenza dalla storica città di Tirano, offre ai viaggiatori la possibilità di vedere da vicino alcune delle attrazioni e aeree geografiche più rinomate della zona dei Grigioni, come ad esempio: il Passo del Bernina, il paradiso naturale dell’Engadina, la selvaggia e incontaminata Valle dell’Albula o la Gola del Reno. A partire da 35 franchi svizzeria (circa € 33), gratis per 2 bambini (fino a 16 anni di età) accompagnati da un adulto.

Allegra Carta Giornaliera Famiglia - (S)Pass(o) per famiglie
La Carta Allegra Giornaliera è disponibile anche per le famiglie con bambini, un’offerta imperdibile per visitare le bellezze territoriali in compagnia dei più piccoli e vivere momenti davvero avventurosi senza mai staccarsi dal finestrino. Salendo a bordo proprio nel centro di Tirano, si potranno ammirare prati, boschi, laghi, monti, castelli e fortezze, viadotti vertiginosi e gallerie elicoidali, con la possibilità di scendere alle fermate su richiesta per giocare nei ruscelli alpini o arrampicarsi sugli alberi. Inoltre, a bordo delle carrozze panoramiche aperte, i viaggiatori potranno assaporare l’aria frizzante di montagna direttamente sul proprio viso e ammirare il panorama a 360°. Prezzo € 56 circa, valido per max. 2 adulti e 3 bambini, min. per 1 adulto e 1 bambino.

L’esperienza sul Trenino Rosso inizia e termina il suo percorso proprio a Tirano, conosciuta per essere uno storico crocevia tra l’Italia e la Svizzera e una città ricca di storia, arte e cultura oltre che di tradizioni enogastronomiche tramandate di generazione in generazione. Tra le bellezze più rinomate che raccontano la storia della città di Tirano, c’è la rinascimentale Basilica della Madonna di Tirano, uno dei più importanti luoghi religiosi della Valtellina e famosa meta di pellegrinaggio di fedeli provenienti da tutta l’Europa. Il Santuario sorge infatti nel luogo dove, come racconta la tradizione, la Madonna apparve nel settembre del 1504 a Mario Omodei promettendo la cessazione della peste qualora venisse costruito un tempio in suo onore. Così, il 25 marzo 1505, nel corso di una solenne cerimonia, fu posta la prima pietra dell’edificio, ai piedi della medioevale chiesetta di Santa Perpetua, così che la Basilica divenne simbolo sacro per eccellenza del territorio Valtellinese.

Un altro luogo religioso da visitare nel tiranese è la millenaria Chiesetta di Santa Perpetua, costruita in una posizione strategica e panoramica da cui domina la sottostante piazza della Basilica e tutto il territorio circostante alla città. Le prime notizie che documentano l’esistenza della chiesetta risalgono alla seconda metà del XII secolo, infatti, per moltissimi anni è stata un punto cardine del sistema di comunicazione che, attraverso i passi del Bernina e dell’Aprica, univa le valli del Reno e dell’Inn con la Valtellina e la Valcamonica, oltre che luogo di asilo per viandanti e pellegrini che attraversavano il territorio.

Inaugurata il 1° luglio 1908, questa linea della Ferrovia Retica è ad un solo binario a scartamento ridotto ed è considerata un capolavoro della tecnica perché senza cremagliere, supera pendenze del 70 per mille partendo dai 429 metri sul livello del mare di Tirano fino ai 2253 del Passo del Bernina, per ridiscendere ai 1775 di St. Moritz e ai 697 di Thusis. Numeri che la dicono lunga, eppure la sua fama di ferrovia turistica internazionale più che a queste straordinarie caratteristiche tecniche, è legata ai paesaggi mozzafiato fra boschi e ghiacciai che si susseguono lungo i 122,3 chilometri del suo percorso. Con 13 gallerie e 52 ponti che completano questo straordinario spettacolo ferroviario che attira visitatori da tutto il mondo.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...