Tra rito e spettacolo: in Trentino carnevali etnici tra storia e tradizioni antichissime, slittate in maschera e falò propiziatori

images/stories/varie_2020/Trentino_CarnevaleAsburgico_Madonna-di-Campiglio.jpg

Si carica di significati e riti ancestrali, legati ai cicli naturali e al rapporto stretto delle popolazioni con gli elementi naturali che si esprime attraverso le originali figure e i personaggi che li animano. E’ la tradizione del Carnevale nelle valli alpine del Trentino: maschere, costumi dei più originali e fantasiosi, carri allegorici, scherzi, lanci di coriandoli, tanta musica e l'immancabile profumo dei dolci tipici - grostoi e frittelle - e del vin brulè che pervade le piazze dei paesi.

 

(TurismoItaliaNews) Particolarmente caratteristico il Carnevale Ladino, nel suggestivo scenario delle Dolomiti della Val di Fassa. In programma dal 17 gennaio al 25 febbraio propone le tradizionali “mascherèdes”, spettacoli satirici nell'antica lingua locale e le sfilate di "Bufòn", "Marascons" e "Lachè", che indossano le tipiche maschere di legno intagliate dagli artigiani scultori della valle, eredi di un’arte antica e sempre viva. Una delle novità del 2020 sono le ”slittate” in maschera.

Il Carnevale a Valfloriana, uno dei più antichi delle Alpi

In Val di Fiemme, nel comune di Valfloriana, va in scena una delle feste di Carnevale più antiche delle Alpi. Sabato 22 febbraio, un lungo corteo di personaggi con maschere lignee e costumi sgargianti scenderà di villaggio in villaggio (il Comune è formato da 10 frazioni) per incontrarsi nella piazza di Casatta.

Il Carnevale di Grauno in Val di Cembra, in programma da venerdì 21 a domenica 23 febbraio e gran finale martedì 25 febbraio, rappresenta un vero e proprio filo diretto con epoche passate. È un rito animato dai giovani del paese e che culmina il martedì grasso con l’accensione dell’albero, simbolo di antichi riti precristiani di propiziazione e di fecondità. Questo momento conclusivo è preceduto da un complesso rituale che ha inizio con il prelievo del pino dai boschi sopra l’abitato e il trascinamento fino in paese, una rappresentazione teatrale dove si condanna l’ultimo maschio andato sposo, e infine l’innalzamento dell’albero nella “Busa del Carneval”.

Il Carnevale ladino in Val di Fassa

Il Carnevale asburgico di Madonna di Campiglio dal 24 al 28 febbraio, rievoca i fasti e lo spirito dell'epoca che vide la principessa Sissi e l’imperatore Francesco Giuseppe soggiornare nella località alpina ai piedi delle Dolomiti di Brenta. Il clou di questo appuntamento, il Gran ballo imperiale nello splendido Salone Hofer, con dame e principi asburgici in splendidi abiti e gli immancabili valzer, sarà preceduto da sfilate in costume, fiaccolate, sciate in abiti d’epoca.

La spettacolare sfilata dei carri mascherati è l’appuntamento più atteso di due tra i più antichi carnevali del Trentino. Ad Arco, sotto le palme dei viali nel cuore della città si svolge la più spettacolare sfilata di carri allegorici del Trentino. È in programma domenica 16 e 23 febbraio nel pomeriggio. Il Gran Carnevale di Storo giunge quest’anno alla 53a edizione e si svolge dal 20 al 29 febbraio. La prima sfilata dei carri e dei gruppi mascherati è in programma martedì 25 febbraio, la seconda sabato 29 febbraio, appuntamenti sempre accompagnati dalle degustazioni della tipica “polenta carbonera”.

Madonna di Campiglio

Per saperne di più

In apertura: il Carnevale Asburgico a Madonna di Campiglio

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...