Tra Via Gluck, Piazza Grande e Largo Abbronzatissima il mondo di Gianni Naso: ecco l’agriturismo dove tutto parla di musica

images/stories/varie_2018/Vetralla_LAccordo01_GianniNaso.jpg

Giovanni Bosi, Vetralla / Lazio

Tra Via Gluck, Piazza Grande e Largo Abbronzatissima c’è un mondo che ruota intorno alla musica. Anzi, dovremmo dire che è la musica a ruotare intorno a questo incredibile posto. Perché l’artefice di tutto è Gianni Naso, lo straordinario personaggio che ha legato a doppio filo la sua vita artistica a note e accordi: da dj a direttore artistico del festival di Sanremo. Ora ai confini fra Lazio e Toscana, in una location speciale che si presenta come il giusto connubio fra musica e natura, gestisce il suo agriturismo. Siamo andati a vedere.

 

(TurismoItaliaNews) Neanche a dirlo si chiama “L’Accordo” la struttura che ha costruito a sua immagine e somiglianza. In realtà una vera e propria azienda agricola certificata biologica di 30 ettari, con 2.000 ulivi secolari di varietà Canino e 4 ettari di vigneto con la produzione di vino Igt: il rosso “Rock” (Sangiovese e Ciliegiolo) e il bianco “Soft” (Grechetto puntato di Malvasia). Ecco l’ultima passione nata dalla mente ecclettica di Gianni Naso e gestita insieme alla sua famiglia Jacqueline, Valentino e Margot.

A due passi da Vetralla, in piena Tuscia, dove si produce l'omonimo Extravergine di oliva Dop, Gianni Naso ha costruito questo agriturismo dove i primi ad accogliere gli avventori sono nientemeno che i Beatles. E' la loro silhouette ovviamente, che basta e avanza a introdurre in quello che si rivela essere un omaggio unico a interpreti straordinari, italiani e stranieri, e a canzoni che ormai sono un cult. Tanto che i percorsi interni dell'agriturismo sono tutti individuati con titoli di brani come “Abbronzatissima”, “Piazza Grande” o “Via Gluck”; i gradini diventano tasti del pianoforte, i nomi delle camere sono dedicati ai cantanti e alle loro interpretazioni più famose, a tavola i sottopiatti sono autentici “lp” e nella sala ristorante alle pareti sono appese fotografie di Gianni Naso con una quantità infinita di artisti. Anche la piscina è a forma di chitarra.

Non potrebbe essere diversamente: lui è stato un grandissimo produttore televisivo, con all’attivo la direzione artistica di cinque Festival di Sanremo e numerose trasmissioni Rai. Fondatore dell’Associazione Italiana Deejay, gestore di un storico negozio di dischi a Roma, ha portato la sua esperienza organizzativa nella gestione professionale della struttura continuando comunque a seguire l’attività discografica insieme al figlio Valentino. E sempre per lui nel mondo della musica ci sono stati tre grandi momenti che hanno determinato vere e proprie rivoluzioni: l’avvento di Elvis Presley, quello dei Beatles e della febbre del sabato sera.

“Se mi avessero detto che sarei diventato un ristoratore – ci dice Gianni Naso – non ci avrei creduto!”. Dalla vecchia stalla in pietra vulcanica e tufo sono stati ricavati 8 appartamenti curati ognuno in ogni piccolo dettaglio, che prendono il nome di una canzone classica (Magic Moments, Il Cielo in una stanza...) e 6 camere matrimoniali, arredate con mobili d'epoca insieme al gusto e le curiosità del mondo musicale e dei suoi artisti (Elvis Presley, Beatles e altri). Il parco esterno si estende per oltre 10 ettari, con piscina, sale banchetti, parco giochi, fattoria didattica e tanti percorsi per godersi una giornata all’aria aperta. C'è anche una fattoria didattica per i più piccini con cavalli, asinelli, maialini, coniglietti, galline e anatre. L’orto a vista davanti alle terrazze del ristorante fornisce insalata, pomodori, zucchine, cipolle e erbe aromatiche a km zero che vengono utilizzate direttamente in cucina.

“Tra gli anni Ottanta e Novanta – racconta ancora Gianni Naso - grazie a Sanremo, ho organizzato centinaia di altre trasmissioni a carattere musicale in prima e seconda serata sui canali della Rai. Ho visto 'nascere' Vasco Rossi, Zucchero, Eros Ramazzotti, Jovanotti… solo per citarne qualcuno. Nel 2004 mi sono reso conto che il mondo musicale che prima era oro, era diventato d’ottone. Ho cambiato totalmente vita e ho aperto insieme alla mia famiglia questo agriturismo”. Ma lui – che si proclama “libero artista musicale” - resta un grande nel mondo della musica. “Per essere un bravo disk-jockey non ci vuole solo orecchio, ma ci vuole Naso” chiosa su di lui un altro grande: Renzo Arbore.

Per saperne di più

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...