Parma 2020: nella Capitale Italiana della Cultura per scoprire il gusto della Città Creativa Unesco per la Gastronomia

images/stories/varie_2019/Parma_AnticaCortePallavicina_MassimoSpigaroli_CreditInfraordinario.jpg

Cuore dell’Emilia dalle tante anime, in cui si intersecano diverse dimensioni storiche e sociali, scandite dalla cultura che dà il tempo alla vita della città e del suo ricco territorio. Nel 2020 al titolo di Città Creativa Unesco per la Gastronomia in Italia e capitale della Food Valley, Parma associa quello di Capitale Italiana della Cultura, pronta ad accogliere turisti e visitatori che giungeranno da ogni dove per esplorare le sue arti, immergersi nelle sue storie, provare i suoi sapori.

 

(TurismoItaliaNews) Parma città d’arte e di charme, con le sue atmosfere raffinate che evocano una piccola Parigi e il passato ducale di Maria Luigia d’Austria. Parma città del teatro e della musica, in cui risuonano le note di Giuseppe Verdi. Ma anche luogo di origine dei sapori che identificano l’eccellenza italiana nel mondo, come il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto di Parma, il Culatello di Zibello. Parma territorio di borghi e castelli dal fascino antico e romantico. Al motto di “La cultura batte il tempo” Parma 2020 si sviluppa come una visione, che guida e connette tutte le attività della città e del suo divenire, ponendo le basi per una riflessione sul contemporaneo e sul futuro, per una rigenerazione sociale. Ecco come viverla.

Parma 2020: nella Capitale Italiana della Cultura per scoprire il gusto della Città Creativa Unesco per la Gastronomia

Parma, la chiesa di San Francesco del Prato

La Chiesa–carcere simbolo di Parma Capitale della Cultura
Nel centro di Parma, sede di straordinari monumenti come il Duomo, il Battistero, l’ex monastero di San Paolo, il Teatro Regio e il polo museale del Palazzo della Pilotta, merita una visita San Francesco del Prato, la chiesa che fu trasformata in carcere e che oggi rinasce grazie ad una raccolta fondi collettiva, per divenire simbolo di Parma 2020. Le grate del carcere sono state tagliate per essere “pezzi di storia” e far parte dei cofanetti che vengono consegnati a coloro che partecipano alla raccolta fondi. Con le visite guidate, a partire dalla primavera del 2020, si può salire tra i 16 raggi del rosone e i decori della formelle policrome, ammirando la vista del centro storico dall’alto e la vicina cattedrale. Tante sono inoltre le iniziative culturali e musicali a cui si può partecipare, per contribuire alla rinascita di un patrimonio collettivo.
www.sanfrancescodelprato.it

Partecipare alle esperienze di Emilia 2020
Per conoscere le tante anime di Parma 2020, ma anche del territorio emiliano, ci si può affidare a Destinazione Turistica Emilia, che promuove come un sistema organizzato le province di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, e che per i visitatori della Capitale Italiana della Cultura diventa Emilia2020, estendendo a tutta l’area il concetto di “La cultura batte il tempo”. Consultando la brochure “20 Ragioni per visitare Emilia nel 2020”, si può scegliere tra le tante proposte di soggiorno e le offerte – presenti tutte sul sito www.visitemilia.com – per vivere la destinazione tra 85 mostre, 70 performance teatrali, 160 concerti, 25 festival di arte e cultura, 170 rassegne e dibattiti, e tantissime esperienze uniche, come quelle proposte dalla rete di prodotto “Emilia Food & Wine Experience” e dalla rete “Emilia Cultura e Castelli Experience”, che intreccia le iniziative degli oltre 13 borghi di interesse storico e artistico, innumerevoli città d’arte, 50 castelli e rocche disseminati tra le colline e gli Appennini, 51 teatri, fondazioni e altre strutture del settore.

tel. 0521-931634
www.visitemilia.com

Parma, il Teatro Farnese (Foto Destinazione Turisitica Emilia)

Parma 2020: nella Capitale Italiana della Cultura per scoprire il gusto della Città Creativa Unesco per la Gastronomia (foto Destinazione Turisitica Emilia)

Nel castello sul fiume Po
Per un viaggio nella storia e nella cultura enogastronomica del fiume Po, l’indirizzo è il relais Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense dei fratelli Spigaroli, castello trecentesco un tempo abitato dai Marchesi Pallavicino, estimatori del culatello. Al primo piano custodisce eleganti camere con vista sui pascoli e sul Grande Fiume, in cui gli arredi d’epoca e il soffitto a cassettoni del XVI secolo sposano lo stile moderno. Il camino (funzionante) e grandi vasche da bagno impreziosiscono gli altri pezzi di artigianato che decorano le stanze. Un luogo per immergersi nella vera anima della Bassa Parmense e nella storia del culatello.
www.anticacortepallavicinarelais.it

Il Museo del Culatello
L’Antica Corte Pallavicina è il regno del culatello. Qui ci sono infatti le cantine di stagionatura del rinomato salume più antiche al mondo e il Museo del Culatello e del Masalén (termine che indica i norcini che tramandavano l’arte della macellazione del maiale). Lo chef Massimo Spigaroli ha ereditato l’arte di fare culatelli dal bisnonno Carlo che lavorava le carni dei maiali nel podere Plantador di Giuseppe Verdi. Il percorso museale conduce in un viaggio nel territorio, tra i pioppeti, il fiume Po, la figura del maiale nero tipico del Parmense recuperato dal cuoco per produrre i salumi tipici. E prosegue in un approfondimento sulla figura di Sant’Antonio Abate, rappresentato in compagnia di un maiale e poi nel vissuto della famiglia Spigaroli e del sapere norcino, per scoprire gli oggetti legati all’attività e poi immergersi in un grande spazio sotterraneo nel mondo segreto del culatello, la sua storia, l’iconografia, il legame con personaggi come Giuseppe Verdi, Gabriele D’Annunzio, Giovannino Guareschi. Il percorso termina all’Hostaria del Maiale con la degustazione e all’esterno lungo le 12 tappe del Po Forest, itinerario all’aperto di 1,5 km alla scoperta del bosco, della vegetazione di golena del Po e dell’allevamento allo stato brado di maiali neri.
www.anticacortepallavicinarelais.it

Parma 2020: nella Capitale Italiana della Cultura per scoprire il gusto della Città Creativa Unesco per la Gastronomia (foto Destinazione Turisitica Emilia)

Il Parmigiano Reggiano 2064: la battitura della forma (Credit Infraordinario)

Il Parmigiano Reggiano Parma2064
Parma è la terra del re dei salumi, il Culatello di Zibello Dop, ma anche del re dei formaggi. Pregiato ed espressione della sua cultura d’origine è il Parmigiano Reggiano Parma2064, che nasce dagli allevamenti a conduzione familiare collocati in un raggio di 10 chilometri dai due caseifici della Cooperativa Casearia Agrinascente, che ha sede a Fidenza. Si può partecipare ad una visita guidata (solo su prenotazione) tra i profumi del caseificio, ma soprattutto portare a casa deliziosi pezzi di formaggio. La scelta è tra diverse stagionature (18, 24, 36 o 48 e più mesi), ci sono inoltre le varianti “Organic”, “Halal” e “Kasher”, quest’ultimo prodotto nel caseificio dedicato esclusivamente a tale produzione secondo le regole della religione ebraica in materia alimentare. Alla produzione di Parmigiano Reggiano si è affiancata da poco quella del “Verdiano”, la proposta “veggie” ottenuta utilizzando caglio di origine vegetale.
www.2064.it

 

In apertura: Parma, l'Antica Corte Pallavicina (Massimo Spigaroli - Credit Infraordinario)

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...