L’operosità ispira Vitae 2018, la nuova guida dell’Associazione Italiana Sommelier: oltre duemila cantine all'assaggio

images/stories/vino/SommelierAis01.jpg

Mani, vite e vino: un rapporto intimo e inscindibile quello tra l’uomo e la terra, raccontato nelle immagini che contraddistinguono la quarta edizione di Vitae 2018, la guida realizzata dall’Associazione Italiana Sommelier, svelata al pubblico al The Mall.

 

(TurismoItaliaNews) Si è rinnovato l’appuntamento con i migliori vini italiani raccolti nel volume che l’Associazione Italiana Sommelier dedica ogni anno ai suoi soci. Quindicimila etichette in rappresentanza di oltre duemila cantine sono raccontate nelle pagine di Vitae 2018. Un grande lavoro a monte, svolto da un vero esercito di degustatori che hanno preso in analisi oltre trentacinquemila campioni provenienti da tutta la Penisola.

Una selezione difficile, svolta rigorosamente alla cieca, che ha evidenziato l’ulteriore crescita qualitativa del vino in Italia. Ventidue vini si sono aggiudicati il Tastevin, premio che l’Ais dedica alle etichette che, di anno in anno, meglio sanno rappresentare il proprio territorio di appartenenza, scelte tra quelle insignite delle Quattro Viti. Una classifica che diventa sempre più affollata, con punteggi medi che salgono, stimolando l’impegno dei degustatori. I nuovi simboli introdotti lo scorso anno, la Freccia di Cupido e il Salvadanaio, hanno riscosso consensi per l’immediatezza del messaggio: emozione al primo sorso e percezione di un valore che travalica i parametri di prezzo e tipologia.

Centodue i vini che hanno colpito emotivamente all’assaggio e centosettantaquattro quelli segnalati per il loro plus valore. Le pagine mettono in evidenza un’attenzione crescente verso le produzioni “green”, in cui sostenibilità ed etica produttiva danno origine a vini di grande originalità ed espressione qualitativa. Le immagini che arricchiscono la nuova edizione di Vitae celebrano il gesto manuale, il saper fare, con le mani protagoniste. Lavoro, forza, conoscenza, ma anche amore, convivialità e amicizia sono i sentimenti che emergono dagli scatti fotografici che impreziosiscono la guida.

"Da questa edizione di Vitae emerge un settore in forma smagliante - commentano i curatori della guida - al punto tale che, ne siamo certi, saprà affrontare una delle vendemmie più avare degli ultimi settant’anni, compensando la sensibile riduzione della quantità prodotta con un innalzamento ulteriore della qualità media. È con questo pensiero che dedichiamo il volume ai nostri associati e a tutte le persone che negli oltre cinquant’anni di vita dell’AIS sono passati dai nostri corsi o hanno condiviso la nostra filosofia: siamo convinti infatti che il loro contributo sia stato decisivo per l’evoluzione del vino italiano, portandolo agli altissimi livelli di oggi. La nostra riconoscenza va poi naturalmente a chi ogni anno rende possibile il ripetersi di una sorta di miracolo: il migliaio di Sommelier chiamati a mettere sotto la lente di ingrandimento oltre 30.000 vini, tutti degustati rigorosamente alla cieca. Vitae nasce da qui ed è il frutto, come il vino che amiamo, di una combinazione straordinaria, di impegno, competenza e sacrificio".

Per saperne di più

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...