Pencianelle, il segreto a tavola di Serra Sant'Abbondio: all’ombra dell’Appennino nascono solo eccellenze di gusto

images/stories/marche/SerraSantAbbondio_Pencianelle01.jpg

Giovanni Bosi, Serra Sant'Abbondio / Marche

La ricetta è segretissima. Del resto è comprensibile: sono l’orgoglio del paese, una tipicità fortemente identitaria. E infatti l’amministrazione comunale è decisa a suggellarla con la De.Co., vale a dire la denominazione per questa produzione propria del territorio, legata alla cultura della comunità, in un più ampio ragionamento di valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali. Siamo a Serra Sant'Abbondio e parliamo delle pencianelle.

 

(TurismoItaliaNews) Cosa sono? Un gustosissimo primo piatto, una sorta di maltagliati a base di farina ed acqua. Ma limitarsi a questa definizione è per la verità un po’ riduttivo. Tuttavia di più è complicato aggiungere perché nessuno a Serra Sant’Abbondio si sbottona e aggiunge dettagli sul come si preparano. “Chi custodisce l'arte del farle non svela né la tipologia delle farine, né le loro proporzioni. Si sa solo che le farine in uso sono due e che quando sono secche, per davvero, cantano… - ci dicono in paese - e comunque anche se ve lo dicessimo, non vi verrebbero mai buone come le nostre!". E questa non è una semplice battuta... Per comprenderne il valore a tavola ovviamente si devono assaggiare… e naturalmente la conquista del palato è scontata. Alla promozione ci sta pensando ormai da anni anche Tipicità, che grazie alla creatività di Angelo Serri e Alberto Monachesi ha messo a punto quel Grand Tour delle Marche che promuove paesi e persone.

Serra Sant'Abbondio

Serra Sant'Abbondio

La tradizione parte da lontano in questo borgo appenninico in provincia di Pesaro-Urbino, luogo che a pieno diritto fa parte di quel network che ha messo insieme i nove Comuni delle Alte Marche per dare vita ad una collaborazione fattiva tra imprese dell’ambito culturale e turistico e amministrazioni pubbliche. “Serra Sant’Abbondio è immersa in un paesaggio appenninico unico, che ha saputo modellare nei secoli trovando sempre un equilibrio tra natura e attività umane – ci dice il sindaco Ludovico Caverni - da qui è possibile partire alla scoperta dei cammini sui monti Catria e Nerone”. Il paese è impegnato nell’allestimento di un ecomuseo dedicato alla storia e all’identità attuale delle comunità appenniche che risiedono in questo territorio: “Si tratta di un patrimonio culturale e umano fatto di antichi saperi e mestieri, di usanze e di valori culturali ereditati di generazione in generazione” aggiunge il primo cittadino di Serra Sant’Abbondio.

La conformazione urbanistica del paese conserva il tipico assetto dell'antico borgo medievale con due porte d'accesso, quanto resta dalle primitive quattro: la Porta Santa con torre e la Porta di Macione del tredicesimo secolo; due vie parallele al corso centrale fanno da cornice alle costruzioni in pietra dal disegno semplice e lineare. E a due passi qui c’è un’eccellenza dell’Appennino umbro-marchigiano: l’eremo camaldolese di Santa Croce di Fonte Avellana.

Ludovico Caverni

La preziosa Biblioteca dell'Abbazia di Fonte Avellana

Ma c’è anche un’altra curiosità legata a Serra Sant’Abbondio e in particolare a Ludovico Caverni. Lui e il fratello Jacopo Caverni hanno dato vita nel 2014 al birrificio “La Castellana”, trasformando la loro passione per la birra e l’attaccamento al loro territorio in una vera professione. “Passione, voglia di mettersi in gioco e valorizzazione del territorio sono proprio le tre parole chiavi su cui nasce il progetto. Il nome del birrificio è un omaggio al Palio della Rocca di Serra Sant’Abbondio, dove sei castelli si contendono l’ambito palio con la famosa corsa delle oche”.

E infatti i nomi delle birre rappresentano i castelli che partecipano alla corsa: Sant’Honda, Leccia, Petrara, Montevecchio, Campietro e Poggetto. L’utilizzo dell’acqua del Monte Catria e dei cereali dell'azienda conferisce al prodotto un carattere strettamente territoriale. Le birre La Castellana sono realizzate mediante processo naturale, senza l’aggiunta di additivi e non pastorizzate.

Per saperne di più
www.comune.serrasantabbondio.pu.it
lacastellana.biz 

 

Fonte Avellana: in mezzo all’Appennino umbro-marchigiano una gemma che parla di fede, misticismo e architetture umane

Alte Marche: i Comuni si alleano per un turismo di qualità, le eccellenze sul podio con cultura, birra e tartufo

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...