Dall’Italia a Cipro, dalla Croazia alla Spagna l’arte dei muretti a secco è patrimonio culturale immateriale Unesco

images/stories/ambiente/MurettiASecco01.jpg

L’arte dei muretti a secco è patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. Il Comitato intergovernativo della Convenzione lo ha iscritto nella Lista rappresentativa. Era una candidatura di tipo transnazionale, che l’Italia ha presentato insieme a Cipro, Croazia, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera. Tra le regioni promotrice la Puglia.

 

(TurismoItaliaNews) La decisione unanime dei 24 Stati che compongono il Comitato, riunito in questi giorni a Port Louis nelle Mauritius, è un ulteriore riconoscimento del ruolo di primo piano del nostro Paese in ambito Unescoe dell’intensa e positiva collaborazione in materia culturale con i nostri vicini mediterranei. L’Italia ha finora iscritto nella Lista rappresentativa del patrimonio immateriale otto elementi, di cui tre già legati a tradizioni e pratiche agro-alimentari dell’area mediterranea (l’arte del pizzaiuolo napoletano, la Dieta Mediterranea e la coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria), ai quali si aggiunge la pratica rurale dell’arte dei muretti a secco.

Questo positivo risultato è stato raggiunto grazie ad un’azione di sistema condotta dalla Farnesina in stretto raccordo con la Rappresentanza permanente italiana presso l’Unesco, e con l’indispensabile collaborazione tecnica degli esperti del Mipaaft. "I muretti a secco rappresentano un patrimonio identitario per tutta l'Italia, per il Mediterraneo e per la Puglia in particolare – ha commentato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - la Regione si è fatta promotrice insieme ad altre regioni di questa candidatura. La nostra terra, dal Salento alla Capitanata, è incorniciata dai muretti a secco, opere che tracciano il lavoro dell'uomo rispettoso dell'ambiente, testimonianza di una storia contadina antica che mantiene intatta la sua autenticità nel tempo".

"Le strutture a secco sono sempre fatte in perfetta armonia con l'ambiente e la tecnica esemplifica una relazione armoniosa fra l'uomo e la natura – ha aggiunto ancora Emiliano - questo riconoscimento celebra un elemento della nostra tradizione che identifica i luoghi della nostra memoria e che si tramanda di generazione in generazione. Grazie all’Unesco potremo valorizzare ancora di più l'unicità del nostro territorio e far apprezzare tutta questa bellezza ai visitatori e ai turisti che verranno a trovarci da ogni parte del mondo".

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...