Tunisia: a Douz il Festival del Sahara, tra profumi e tradizioni la celebrazione della cultura sahariana e nomade

images/stories/tunisia/TunisiaFolclore01.jpg

E’ una delle celebrazioni più suggestive che si possono incontrare nel sud della Tunisia. E’ Douz, “la porta del deserto”, zona magica ed esotica, cornice del Festival del Sahara di Douz, autentica celebrazione della cultura sahariana e nomade. L’appuntamento per il 2017 è dal 28 al 31 dicembre e richiamerà tutte le tribù nomadi da Tunisia, Algeria, Libia ed Egitto.

 

(TurismoItaliaNews) Un momento magico in cui venire a contatto con le affascinanti tradizioni delle tribù del Sahara. Il tema principale è la celebrazione del patrimonio della tribù araba-berbera di M’razigs (Marzougui) e al contempo è un forte simbolo di pace fra le tribù sahariane che per lungo tempo sono state in lotta fra loro.

Douz durante queste 4 giornate di festa, si trasforma: l’abituale nonchalance lascia spazio ad un’incalzante effervescenza. L’atmosfera è festosa: carretti, asini e dromedari affollano le strade. La festa si svolge come una sorta di olimpiadi del deserto. Si apre con una grande parata, seguita da canti, balli e cerimonie. Sulla piazza del souk di Douz dove si possono comprare spezie, manufatti locali, tappeti, gioielli berberi, ortaggi e bestiame in questi giorni vengono eletti i migliori Mehari, dromedari da corsa un tempo usati nelle guerre, e i migliori sloughi, cani del deserto particolarmente abili nella caccia. I M’razigs sono fieri di poter accogliere le tribù nomadi provenienti da tutto il Sahara mettendo in scena spettacoli ancestrali di corse, giochi e scene della vita quotidiana come l’insediamento attorno al pozzo e la cerimonia delle nozze e poi sfilate in abiti tradizionali, spettacoli di musica, danze, poesie e proiezioni di film.

Questo avvenimento dove un tempo sfilavano solo cavalieri e dromedari in una grandiosa giostra di costumi, da alcuni anni si è arricchito di una consistente anima intellettuale, fattore indispensabile per tenere vivo e fermare nella memoria l’autentico spirito del Sahara perché tutto non scada come stava avvenendo in una espressione semplicemente spettacolare. L’anima intellettuale del Festival Internazionale del Sahara di Douz consiste in un seminario sui temi del deserto, un incontro in cui in ogni ricorrenza annuale si confrontano numerosi esperti provenienti dal mondo arabo e dall’occidentale.

I viaggiatori che visiteranno questo festival, non potranno certamente mancare di visitare la zona attorno a Douz. A partire dal pernottamento in uno dei campi tendati presenti in questa zona per poter godere della pace e dell’armonia che solo le dune del deserto sanno offrire e le spettacolari notti stellate che viste dal deserto sanno riappacificare chiunque con il mondo. L’oasi di Tozeur con il caratteristico souk, l’oasi di montagna di Tamerza, Nefta puntellata da innumerevoli cupole che segnalano santuari e tombe di santi. Non distante Ong Jemel set cinematografico del film Star Wars dove tutt’oggi è possibile sedere al tavolo dove Luke Skywalker pranzava con gli zii.

Tunisi è sicuramente il punto di partenza da cui iniziare a scoprire le bellezze del Paese. Imperdibili sono il Museo del Bardo, che ospita la più bella raccolta di mosaici al mondo risalenti all’epoca Romana, e la splendida Medina dove è possibile visitare la moschea Zitouna. Cartagine, la città dei miti di Enea e Didone, è stata per secoli centro dei commerci nel Mediterraneo. Qui si può visitare il santuario della Dea Tanit, il quartiere delle ville romane, il teatro, la basilica cristiana e le terme di Antonino. Nelle vicinanze, Sidi Bou Said è un villaggio raffinato le cui case bianche e blu si addossano sul fianco di una collina, di fronte al mare. Vicino a questi luoghi pittoreschi si estendono le spiagge di Gammarth e La Marsa.

Per saperne di più

 

I mosaici di Pupput, l’area archeologica a due passi da Hammamet era la Colonia Aurelia Commoda Pia Felix Augusta

Tunisia, Djerba si candida a Patrimonio Unesco: da millenni qui ebrei, musulmani e cristiani convivono in perfetta armonia

Da Cartagine a Tunisi: i tesori del Museo del Bardo

Kairouan, delizia dell’arte arabo-musulmana: in Tunisia un capolavoro della cultura, della perizia e del gusto del Maghreb

Giocose esperienze: a caccia di giochi tradizionali nei souk di Hammamet e Djerba

Tabarka: sulla costa mediterranea uno dei luoghi più pittoreschi della Tunisia, dove il corallo domina con i suoi colori

Thugga, l’antica città romana sull’altopiano della Tunisia

Tunisia, la rivoluzione di velluto del patrimonio culturale ritrovato

Sidi Bou Said, il fascino universale del bianco e dell’azzurro in Tunisia

Tunisia, Bulla l’Imperiale: le fastose dimore per i ricchi romani che amavano la frescura

Dai Fenici a Bourguiba i tremila anni di storia di Monastir, perla del Mediterraneo

Thysdrus, l’antico anfiteatro romano di El Djem che stupisce il mondo

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...