A tavola nelle Valli di Primiero: la mappa per non perdere neppure un luogo delle bontà

images/stories/trentino_primiero_gastronomia/PrimieroGastronomia.jpg

Giovanni Bosi, Valli di Primiero / Trentino
Nella cornice di un suggestivo Patrimonio Unesco e lungo una Strada costellata di delizie, l’approccio con l’enogastronomia non può che risultare vincente. Siamo in Trentino, nelle valli tra San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi: è qui che si snoda la Strada dei Formaggi delle Dolomiti, terra di Fontal, Trentingrana e Botìro. E dove davvero l’appetito vien mangiando, magari dopo un’escursione nel Parco naturale di Paneveggio… Ecco allora un tour che non potete perdere.

 

(TurismoItaliaNews) Come si può apprezzare un territorio se non lo si prende per il verso giusto? In fondo ambiente, natura, qualità della vita, cultura e arte passano per forza anche attraverso l’enogastronomia. E’ a tavola che il retaggio storico di un territorio si ritrova per intero e dunque per apprezzarlo non c’è niente di meglio che sedersi e apprezzare i consigli della gente che abita da queste parti. Perché fra tradizione e innovazione c’è molto da scoprire. Il tour che seguiamo è dunque un tracciato fra diverse località del Parco naturale di Paneveggio e Pale di San Martino, scoprendo i luoghi migliori per gustare piatti locali e ottimi vini, in luoghi che invitano ad immergersi in un’atmosfera che è accogliente e avvolgente in qualsiasi stagione.


Quando arrivate a Fiera di Primiero, che in estate diventa l’alter ego di San Martino di Castrozza, dopo una visita alla maestosa gotica chiesa Arcipretale e al palazzo delle Miniere, il RistoLoungeBar Castel Pietra nella vicinissima Transacqua di Primiero si rivela un ottimo luogo per una pausa ristoratrice. A gestirlo ci sono Renzo e Sonja insieme ai loro figli Martina, Francesco e Simone. Qui raffinatezza e fantasia ben si coniugano con le tradizioni del territorio, come nel caso della Quiche di verdure con crema al Fontal di Primiero e dei Filettini di maiale in crosta di Trentingrana, che si sposano ottimamente con un Teroldego Rosso Igp dei Vigneti delle Dolomiti – Cantina Mori.


La voglia di ammirare la maestosità delle Pale di San Martino induce a percorrere il sentiero che a 1600 metri di quota fa incontrare l’Agritur Dalaip dei Pape, fattoria didattica gestita dalla famiglia Scalet. Un’autentica scoperta, perché è qui che nascono deliziosi piccoli frutti come fragole, lamponi, more, ribes, mirtilli e uva spina, quelli che poi diventano confetture, succhi, salse e biscotti da sposare col Botìro o utilizzati per preparare i migliori piatti tipici della valle. “ Da questo antico maso, ristrutturato e inaugurato nel 2006 - ci racconta Massimo Scalet - si può godere un totale relax, infatti si colloca in una posizione ottima sia come punto panoramico sull’intera vallata di Primiero, sui meravigliosi boschi, sui prati che lo circondano e sulle Dolomiti Pale di San Martino, sia come punto per molteplici escursioni nella natura e nell’agricoltura”. Il Dalaip è nato dall’esperienza e dalla storia di Giampietro e Luciana. Quest’ultima si è dedicata costantemente alla famiglia e alla casa e ora si dedica con lo stesso amore e passione, lo stesso con cui ha allevato i 4 figli, nel preparare piatti tipici dell’antica tradizione culinaria primierotta utilizzando tutti i frutti della propria terra, coltivati o allevati con marchio biologico. Carne compresa.

Andando in Val Canali, la sosta è d’obbligo a quota 1.307 metri, dove ci sono Gianna Tavernaro e la sua famiglia. Sono loro a gestire la piccola ma accogliente Malga Canali. Intorno prati e pascoli e poi il bosco misto di faggi e abeti, in alto una magnifica corona di monti: il Castelaz, la Cima d'Oltro, il Sass d'Ortiga, la Pala del Rifugio Treviso, il Coro, l'Alberghet, la Pala dei Colombi, ed altre del Gruppo Canali. Lo spettacolo della natura si associa in modo spettacolare alla semplicità della signora Gianna e della sua cucina. “Non avrò tanti soldi – ci dice - ma ho lo zaino pieno di emozioni vivendo qui. Ho avuto dei grandi genitori e questa è stata la mia fortuna per una vita fatta di semplicità, passione e amore per la Valle di Primiero”. Basta guardarsi intorno, nella piccola malga, per rendersene conto: il paiolo con la polenta sul fuoco nel camino all’angolo della stanza principale, le pentole sulla stufa per tenere in caldo le pietanze. C’è la fila per mangiare qui e non si è prenotato, difficilmente si riesce a farlo. Meglio un colpo di telefono prima di salire in quota. Anche i formaggi sono prodotti e gustati sul posto, fanno parte di quell’atmosfera speciale della malga, vanno assaporati in quel contesto.


L’escursione nella stupenda conca di Calaita, dove sull’omonimo lago si specchiano le Pale di San Martino, conduce inevitabilmente all’Agritur Santa Romina, un antico maso restaurato con particolare cura, inserito in uno dei luoghi più belli della stupenda valle del Lozen. L'antica tradizione dei piatti genuini delle genti di montagna è il valore aggiunto. L'agritur è collegato all’omonima azienda agricola che fornisce alcune varietà di prodotti di stagione che vengono poi serviti a tavola sotto forma di piatti specifici della cultura a tradizione locale. Come ad esempio il mirtillo gigante.


A San Martino di Castrozza, magari dopo una puntata fino ai duemila metri di Passo Rolle, non ci si può non fermare allo Chalet Prà delle Nasse dove c’è il “Ristorante da Anita”. Dall’estate 2013 è membro dell’associazione di hotel per motociclisti “MoHo – Motorrad Hotels”, la cui mission è andare alla scoperta dei leggendari passi dolomitici sulle due ruote per sperimentare le impressioni di questi pittoreschi paesaggi. “Per i nostri ospiti arrivano sui piatti solo i migliori prodotti – dice la signora Anita - siamo impegnati a servire prodotti di alta qualità e di origine locale. Nel nostro orto coltiviamo erbe aromatiche e verdura, e ci sta particolarmente a cuore l’utilizzo di cibi fatti in casa e specialità regionali”. Un menù da provare? Tartare di Grigia alpina allevata a San Martino; zuppetta di porcini, burrata e pomodorini al timo; tortelloni di kamut ripieni alle grassole e ortiche selvagge, Botiro di Primiero e lamelle di grana trentino stravecchio; costolette di maiale su zucchine dell’orto. A tutto può accompagnarsi un Moratèl Dolomiti Igt della Cantina Cesconi.


Ce n’è abbastanza per leccarsi anche le dita. Cosa aspettate allora ad andare nelle valli del Primiero?

La Strada dei Formaggi delle Dolomiti: dove, chi, come

Dalla Val di Fiemme al Primiero, passando per la Val di Fassa: tre valli di montagna, dove agricoltura e turismo hanno creato un equilibrio che si traduce in un mix eccellente di natura e gusto. Tappe di questo viaggio sensoriale circa 70 aziende - tra produttori, ristoranti, agriturismi, hotel, B&B, botteghe, enoteche - che si impegnano a valorizzare i prodotti caseari ed altri piccoli e grandi sapori locali. Persone, uomini e donne, che hanno fatto del proprio mestiere un’arte, custode di segreti ed emozioni. La ricca produzione casearia è caratterizzata da formaggi artigianali di alta qualità. Racchiudono gli aromi dei pascoli che li vedono nascere, donando al latte qualcosa di unico e speciale. Formaggi che incontrano il profumo di carni, insaccati, miele, birra, piccoli frutti, grappe nelle ricette che combinano tradizione ed innovazione. Non un semplice itinerario, quindi, ma un intero territorio, dove ognuno può tracciare il proprio percorso del gusto, con un unico consiglio, quello di darsi il tempo per vivere la differenza tra mangiare e assaporare, dormire e riposare, comperare e scoprire.

Gli indirizzi da tenere bene a mente

Strada dei Formaggi delle Dolomiti
Info presso gli Uffici Apt
Val di Fiemme - Tel. 0462 241111
Val di Fassa - Tel. 0462 609500
San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi - Tel. 0439 62407
www.stradadeiformaggi.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Agritur Dalaip dei Pape
loc. Dalaibi - 38054 Primiero - Tonadico
Tel. 329-1915445
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.agriturdalaip.it

Agritur Maso Santa Romina
Località Masi Santa Romina - 38050 Zortea, Canal S. Bovo
Tel. 0439-719459
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.vanoi.it/santaromina

RistoLoungeBar Castel Pietra
Famiglia Renzo e Sonja Esposito
Via Venezia, 28 - Transacqua di Primiero
tel. 0439-763171 oppure 347-0993818
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.ristorantecastelpietra.it
www.hotelcastelpietra.it

Malga Canali
Gianna Tavernaro
Val Canali - Tonadico, 38054
tel. 0439-64491 oppure 368-7413582

Ristorante da Anita
Via Cavallazza, 24 - 38054 San Martino di Castrozza
tel. 0439768893
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.ristorante-da-anita.com

 

Per saperne di più
Ente Parco Paneveggio - Pale di San Martino
Villa Welsperg, località Castelpietra, 2 - 38054 Tonadico (Tn)
tel. 0439 – 64854
www.parcopan.org
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Apt San Martino di Castrozza, Primiero e Vanoi tel. 0439-768867
www.sanmartino.com
Apt Val di Fiemme – Predazzo tel. 0462-501237
Apt Val di Fassa – Moena tel. 0462-609770

 

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...