Il Giardino delle Cento rose: è nel cuore dell’Umbria la più grande collezione al mondo di Rose Inglesi

images/stories/foligno/GiardinoRose4.jpg

Giovanni Bosi, Foligno / Umbria

E’ il giardino in cui si trova la collezione più grande al mondo di Rose Inglesi ottenute dal famosissimo ibridatore inglese David Austin incrociando determinati tipi di Rose Antiche e varietà moderne di ibridi di Tea e Floribuna con lo scopo di associare lo charme e la fragranza di una Rosa Antica con la grande gamma di colori e la capacità rifiorente delle rose moderne. Dove? A Foligno, in Umbria, nella pianura di Budino.

 

(TurismoItaliaNews) E’ il turismo specializzato che non ti aspetti. Perché in genere accade sempre così: bellezze e attrazioni di un territorio spesso sono più conosciute all’estero che nella regione o addirittura nella propria città. Eppure grazie ad Andrea Emiliani, un appassionato collezionista di rose rare e di tradizione antica, a Budino di Foligno, in Umbria, è nato un autentico lembo di coloratissima e profumatissima Inghilterra: è il “Giardino delle Cento rose”, conosciutissimo in Svezia, Australia, Stati Uniti, Giappone e Gran Bretagna. E infatti proprio da questi luoghi arrivano turisti competenti ed esperti conoscitori della specializzazione, per vedere dal vivo (e annusare) l’incredibile patrimonio naturale che Andrea – che di mestiere fa neanche a dirlo il giardiniere – ha costruito intorno alla sua casa di via Lago di Fiastra 68.

“Sono arrivato qui dodici anni fa – ci racconta Andrea Emiliani – dopo che la mia famiglia, originaria di Roma, ha venduto la casa a Montefalco. Sin da bambino sono stato abituato a vivere il giardino come un’appendice irrinunciabile della casa e poiché avevamo molte rose, ho accresciuto e sviluppato questo interesse diventato un collezionista per passione”. Così la scelta della nuova abitazione non ha potuto prescindere dall’individuazione di un immobile in un luogo in cui fosse possibile creare un giardino di rose e la pianura folignate di Budino, perfettamente irrigua, si è rivelata ideale. Così oggi non solo il giardino è realtà, ma è persino diventato un vero e proprio luogo di pellegrinaggio di amanti di fiori non comuni.

Perché il Giardino delle cento rose è davvero un luogo al di fuori del comune: “Di fatto sono 30 anni che colleziono rose e qui a Budino ho la collezione più grande al mondo di rose di tradizione antica create dal famosissimo ibridatore inglese David Austin, oggi 96enne. Il quale neppure lui possiede tutte quelle che ha creato, mentre invece Andrea Emiliani sì. In tutto ci sono 650 piante di rose, di cui 216 sono varietà; e poi 110 varietà di iris e 200 piante di peonie. Un angolo di paradiso, insomma. Questo di Budino è uno dei venti giardini privati aperti al pubblico esistenti in Umbria, tanto che la Regione ha invitato i suoi titolari ad unirsi in associazione per veicolare – stante l’impressionante numero di presenze che registrano – la promozione di questi luoghi e sostenerne l’incoming, che all’estero viene garantita verso l’Italia da agenzie specializzate in garden tour.

Come spiega lo stesso David Austin presentando la collezione di rose 2014-2015, “la forma dei fiori delle Rose Inglesi è molto simile a quella di una Rosa Antica: può assumere un aspetto a coppa o quello di una rosetta, o anche un insieme di queste due forme, spesso contraddistinte da numerosissimi piccoli petali; la luce diffusa nelle corolle conferisce loro una tonalità calda e radiosa. Le Rose Inglesi non vogliono però essere tanto una ricerca di brillantezza del colore o, addirittura, di una capacità copiosissima di fioritura, quanto più un modo per far risaltare il fascino delicato e la fragranza dei singoli fiori”.

Non solo: le Rose Inglesi hanno un portamento naturale, ideale per la realizzazione di bordure miste e, genericamente, per la loro collocazione in giardino, spiega ancora David Austin: “La pianta denota nel suo insieme più il portamento di un piccolo cespuglio che quello di una pianta per aiuole, come succede, invece, negli ibridi di Tea. Le Rose Inglesi sono piante molto versatili: possono formare cespugli alti fino a 1,25 - 1,5 metri oppure essere anche abbastanza basse — non più larghe di un ibrido di Tea. Possono assumere un portamento compatto o graziosamente arcuato. Alcune hanno uno sviluppo abbastanza eretto”.

Provare per credere: lo scenario di Budino in estate è davvero suggestivo, anche perché il Giardino delle cento rose è immerso tra i campi di grano, scenario più bello dell’Umbria più autentica. E chi vuole visitarlo non ha che da contattare Andrea Emiliani (telefono 347-2372477).

Per saperne di più
Il Giardino delle Cento rose
Via Lago di Fiastra, 68 – fraz. Budino, Foligno (Pg)
www.giardinodellecentorose.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Narni Sotterranea: l’Inquisizione, i processi e… Misteri e suggestioni al di sotto della città medievale

 

 

Nella Grotta dell’Abbadessa di Pale: dopo 40 anni nella placca di travertino si riscopre un'autentica meraviglia della natura

 

Il Museo della Canapa: a Sant'Anatolia di Narco la tradizione è di famiglia

 

In Mente Felicitas, In Corpore Salus: San Biagio, in mezzo all'Appennino umbro un'esperienza di benessere

 

Le suggestioni dell’eco tra le piramidi naturali del Lago di Piediluco: gusto e vacanze outdoor

 

Il Vicolo Baciadonne a Città della Pieve: in Umbria c’è un luogo dove il Medioevo ha il colore dei mattoni e dello zafferano

 

Nel cuore di Todi una dimora degna di un principe rinascimentale: il Palazzo episcopale è uno scrigno d’arte

 

Il Divin Poema di Foligno, nel 1472 realizzata a due passi da Piazza Grande la prima edizione a stampa della “Commedia” di Dante

 

Abbazia di Sassovivo: l’antico complesso benedettino testimone di pace: San Marone restituito alle montagne siro-libanesi

 

Orvieto Underground, sotto all’imponente Duomo c’è un’altra città da scoprire

 

Longobardi in Italia: la Basilica di San Salvatore, luogo del potere a Spoleto

 

 

Una piccola reggia sulle sponde del Trasimeno, a Castiglione del Lago il percorso per scoprirla

 

I luoghi ritrovati di una valle incantata: itinerario e progetto di museo diffuso dei Plenaristi nella Valle del Nera

 

Il museo diffuso con l’itinerario dei Plenaristi: un nuovo modo per scoprire le bellezze dell’Umbria

 

Germanico, quella statua imponente e suggestiva, preziosa e potente, persino misteriosa: il tesoro di Amelia

 

Carsulae, lungo l’antica Flaminia c’è molto da scoprire

 

Quelle Mummie di Ferentillo: il passato ritorna e racconta storie di grande suggestione

 

Arnth Velimna Aules: con gli etruschi nell’Ipogeo dei Volumni per un salto nel tempo di 2.300 anni

 

All’Accademia di Belle Arti di Perugia tra passato e futuro: grandi opere e grandi artisti, di ieri e di domani

 

Foligno, la città dei Palazzi: in Umbria è un unicum tutto da scoprire

 

Ciac, Centro Italiano Arte Contemporanea, cubo d'autore al centro del mondo

 

Foligno, la Santissima Trinità accoglie Calamita Cosmica gigantesco scheletro

 

Gli argenti barocchi del Duomo di Foligno

 

Archeologia: il Mac di Colfiorito, l’antica civiltà umbra va in museo

 

La sacra torre di Fuksas nella Valle Umbra: l'arte moderna della fede

 

Orvieto: l’antica Torre del Moro racconta la sua storia

 

 

La donazione della Santa Spina: nell’Umbria medievale la celebrazione dell’antica contea di Braccio da Montone

 

Il Giardino delle Cento rose: è nel cuore dell’Umbria la più grande collezione al mondo di Rose Inglesi

 

Umbria, a Rivotorto il “Sacro Tugurio” scrigno del Francescanesimo

 

Sentiero Francescano della Pace, tra Assisi e Gubbio c’è un baluardo della storia del Poverello: Valfabbrica

 

Il Carapace, l’unica scultura al mondo diventata cantina

 

 

Vini come bio comanda, in Umbria l’azienda è già a cavallo: l’esperienza Di Filippo

 

Narni e il Museo di Palazzo Eroli: da Donatello a Benozzo Gozzoli, fino a Lewis, autore delle “Cronache di Narnia”

 

I misteri dell’antica Chiesa abbaziale di San Pietro in Valle: a Ferentillo un capolavoro dell’arte ancora tutto da studiare

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...