Umbria, Abbazia di Sassovivo: l’antico complesso benedettino testimone di pace: San Marone restituito alle montagne siro-libanesi

images/stories/foligno/SassovivoAbbazia08.jpg

Giovanni Bosi, Foligno / Umbria

E’ stata riconosciuta Monumento testimone di una cultura di pace dalla Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco per la sua presenza millenaria sul territorio e come luogo emblematico della cultura. La sua mole possente la rende uno dei simboli più straordinari dell’Umbria mistica e ancora oggi continua a svelare segreti del suo passato. E’ l'abbazia Santa Croce di Sassovivo, a Foligno.

 

(TurismoItaliaNews) Si fa notare già dalla pianura l’antichissima struttura benedettina adagiata sulle pendici del monte Serrone, a pochi chilometri da Foligno. Quando si imbocca la strada che sale verso l’Abbazia ci si rende conto man mano della sua imponenza e soprattutto della sua posizione strategica, lasciando intendere quale capolavoro di architettura sia. Non è un caso che grazie all’iniziativa del Club Unesco Foligno e Valle del Clitunno, sia arrivato il riconoscimento di “Monumento testimone di una cultura di pace” da parte della Federazione Italiana dei Club e Centri Unesco e la motivazione, nel delinearne storia e ruolo, lo spiega chiaramente: nel corso dei secoli ha raccolto sotto di sé, facendo da ala protettiva, persone in difficoltà provenienti da più parti del mondo. E’ stato l'eremita Mainardo, proveniente dal Monastero di Sitria, sul Monte Catria, ad iniziare la costruzione intorno al 1070, con la cripta di San Marone che costituisce l'elemento emblematico e simbolico del sentimento di pace: qui è ambientata la storia delle reliquie del santo anacoreta siro-libanese vissuto nel V secolo.

Il cuore dell’Abbazia di Santa Croce di Sassovivo è il chiostro romanico (1229) ordinato dall’abate Angelo e portato a termine dal maestro marmoraro romano Pietro de Maria e da Nicola Vassalletto. È a pianta quadrangolare ed ha 58 archi sorretti da un doppio ordine di 128 colonnine elicoidali con capitelli gigliati. Nel 1340 è stata aggiunta una grande cisterna centrale e nel 1623 è stato costruito un pozzo. Al suo interno è anche custodito un affresco della "Vergine in trono con Bambino" del XIV secolo. Il monastero conserva anche un affresco dell'Ultima Cena del 1595 e i dormitori del Duecento. Di grande valore è pure la Loggia del Paradiso, con frammenti di affreschi del XV secolo.

L’erudito folignate del Settecento, Jacobilli racconta del ritorno dalla prima crociata (1098) di Michele degli Atti, conte di Uppello e feudatario di Sassovivo, portando il teschio del santo e dondolo ai monaci dell'Abbazia. Nel 1952 un vescovo libanese è giunto a Foligno per pregare davanti alla reliquia di San Marone e nel 1998, in accordo con il patriarca maronita Sfeir, le autorità religiose e civili italiane, il ministero dei Beni culturali e la Direzione dei Musei hanno dato il permesso di riprendere la reliquia del Santo che è stata riportata nel monastero dove era stata prelevata dieci secoli prima, nelle montagne siro-libanesi. La cripta di San Marone è il luogo posto a memoria di queste vicende, improntate al rispetto per le radici storiche della devozione religiosa ma anche all'apertura e alla comprensione reciproca; sono questi alcuni aspetti che confermano la funzione dell'Abbazia di Sassovivo quale luogo simbolico del dialogo, elemento che costituisce il presupposto imprescindibile per una cultura di pace.

Ma l’Abbazia di Sassovivo anche in tempi più recenti ha saputo ritagliarsi un ruolo: dal 1951 al 1957 ha accolto una piccola comunità monastica di Benedettini cecoslovacchi appartenenti alla Congregazione Slava di Sant'Adalberto, fuggiaschi a causa delle persecuzioni politiche: questi monaci hanno trovato riparo nella struttura e l’hanno resa di nuovo fruibile (dopo era divenuta fatiscente già sul finire del ‘400); nel 1979 ha poi accolto i Piccoli Fratelli e Piccole Sorelle della "Comunità Jesus Caritas" di Padre Foucauld, eremita e missionario del Sahara (1819-1916) ispiratore di un monachesimo in armonia con lo spirito dell'ora et labora benedettino.

E oggi l’Abbazia è ancora un “cantiere” che svela tasselli di storia ancora più antica. Ad esempio facendo lavorare insieme giovani, esperti e docenti di tre università alla ricerca, alla scoperta e alla catalogazione di reperti trovati nelle campagne di scavo che si sono susseguite nel 2014 e 2015. Scavi che hanno consentito di riportare alla luce tombe di membri della comunità monastica ma anche di esponenti dell’aristocrazia e del clero:resti di adulti e di bambini ma anche una fossa comune, forse legata a pestilenze e carestie. All’attività di ricerca, condotta sotto la guida della Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Umbria e della Soprintendenza Belle arti e paesaggio dell’Umbria, con la direzione scientifica della Scuola di specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio della Sapienza Università di Roma, hanno partecipano la facoltà di Storia e beni xulturali della Chiesa della Pontificia Università Gregoriana e l’Hungarian Natural History Museum-University Eötvös Loránd di Budapest.

Gli antropologi dell’ateneo ungherese si sono occupati dello studio delle numerose sepolture e dei resti scheletrici, rinvenuti nell’area dello scavo, i cui risultati hanno permesso l’acquisizione di fondamentali dati antropometrici – cioè età, patologie, abitudini alimentari, tipo di lavoro svolto - sugli antichi abitanti di Sassovivo, aprendo un campo d’indagine di grande interesse finora inesplorato. Di grande interesse anche i frammenti di una ciotola dell’età del bronzo che risale al XV avanti Cristo. E secondo gli esperti è importante proseguire il lavoro avviato perché l’archivio dell’abbazia è ancora praticamente inedito e le campagne di scavo potrebbero riservarci, in futuro, altre scoperte.

E chi arriva all’Abbazia non può perdersi una passeggiata alla vicina Cripta del Beato Alano e lungo la cosiddetta Passeggiata dell'Abate, un sentiero che si dipana tra i boschi di leccio, ginepro e pino d'Aleppo. La cripta (risalente all’XI secolo) con ogni probabilità è il primo nucleo di Sassovivo: attualmente versa in condizioni di deterioramento che non la rendono visitabile per ragioni di sicurezza.

 

Narni Sotterranea: l’Inquisizione, i processi e… Misteri e suggestioni al di sotto della città medievale

 

 

Nella Grotta dell’Abbadessa di Pale: dopo 40 anni nella placca di travertino si riscopre un'autentica meraviglia della natura

 

Il Museo della Canapa: a Sant'Anatolia di Narco la tradizione è di famiglia

 

In Mente Felicitas, In Corpore Salus: San Biagio, in mezzo all'Appennino umbro un'esperienza di benessere

 

Le suggestioni dell’eco tra le piramidi naturali del Lago di Piediluco: gusto e vacanze outdoor

 

Il Vicolo Baciadonne a Città della Pieve: in Umbria c’è un luogo dove il Medioevo ha il colore dei mattoni e dello zafferano

 

Nel cuore di Todi una dimora degna di un principe rinascimentale: il Palazzo episcopale è uno scrigno d’arte

 

Il Divin Poema di Foligno, nel 1472 realizzata a due passi da Piazza Grande la prima edizione a stampa della “Commedia” di Dante

 

Abbazia di Sassovivo: l’antico complesso benedettino testimone di pace: San Marone restituito alle montagne siro-libanesi

 

Orvieto Underground, sotto all’imponente Duomo c’è un’altra città da scoprire

 

Longobardi in Italia: la Basilica di San Salvatore, luogo del potere a Spoleto

 

 

Una piccola reggia sulle sponde del Trasimeno,  Casiglione del Lago il percorso per scoprirla

 

I luoghi ritrovati di una valle incantata: itinerario e progetto di museo diffuso dei Plenaristi nella Valle del Nera

 

Il museo diffuso con l’itinerario dei Plenaristi: un nuovo modo per scoprire le bellezze dell’Umbria

 

Germanico, quella statua imponente e suggestiva, preziosa e potente, persino misteriosa: il tesoro di Amelia

 

Carsulae, lungo l’antica Flaminia c’è molto da scoprire

 

Quelle Mummie di Ferentillo: il passato ritorna e racconta storie di grande suggestione

 

Arnth Velimna Aules: con gli etruschi nell’Ipogeo dei Volumni per un salto nel tempo di 2.300 anni

 

All’Accademia di Belle Arti di Perugia tra passato e futuro: grandi opere e grandi artisti, di ieri e di domani

 

Foligno, la città dei Palazzi: in Umbria è un unicum tutto da scoprire

 

Ciac, Centro Italiano Arte Contemporanea, cubo d'autore al centro del mondo

 

Foligno, la Santissima Trinità accoglie Calamita Cosmica gigantesco scheletro

 

Gli argenti barocchi del Duomo di Foligno

 

Archeologia: il Mac di Colfiorito, l’antica civiltà umbra va in museo

 

La sacra torre di Fuksas nella Valle Umbra: l'arte moderna della fede

 

Orvieto: l’antica Torre del Moro racconta la sua storia

 

 

La donazione della Santa Spina: nell’Umbria medievale la celebrazione dell’antica contea di Braccio da Montone

 

Il Giardino delle Cento rose: è nel cuore dell’Umbria la più grande collezione al mondo di Rose Inglesi

 

Umbria, a Rivotorto il “Sacro Tugurio” scrigno del Francescanesimo

 

Sentiero Francescano della Pace, tra Assisi e Gubbio c’è un baluardo della storia del Poverello: Valfabbrica

 

Il Carapace, l’unica scultura al mondo diventata cantina

 

 

Vini come bio comanda, in Umbria l’azienda è già a cavallo: l’esperienza Di Filippo

 

Narni e il Museo di Palazzo Eroli: da Donatello a Benozzo Gozzoli, fino a Lewis, autore delle “Cronache di Narnia”

 

I misteri dell’antica Chiesa abbaziale di San Pietro in Valle: a Ferentillo un capolavoro dell’arte ancora tutto da studiare

 

La fascia olivata da Assisi a Spoleto si candida a Patrimonio dell’Umanità e Sistema agricolo di importanza mondiale

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...